Crea sito

Song of Myself (Canto di me stesso) — Walt Whitman [testo completo]

I celebrate myself, and sing myself,
And what I assume you shall assume,
For every atom belonging to me as good belongs to you…

Canto me stesso, e celebro me stesso,
E ciò che io assumo voi lo dovete assumere
Perché ogni atomo che mi appartiene appartiene anche a voi…


Quello che segue è il testo completo della poesia “Canto di me stesso” del poeta americano Walt Whitman. Pubblicata nel 1855 nella raccolta Foglie d’erba, questa poesia si compone di 52 strofe in versi liberi, in cui il poeta canta se stesso, non come singolo individuo, bensì come coscienza individuale che via via si espande fino ad abbracciare un universale cosmico. Rappresenta un sincero e vivido inno alla vita in tutte le sue forme, nel presente, passato e futuro, al di là del tempo e dello spazio.

Indice:

Song of Myself

1.
I celebrate myself, and sing myself,
And what I assume you shall assume,
For every atom belonging to me as good belongs to you.
I loafe and invite my soul,
I lean and loafe at my ease observing a spear of summer grass.
My tongue, every atom of my blood, form’d from this soil, this air,
Born here of parents born here from parents the same, and their parents the same,
I, now thirty-seven years old in perfect health begin,
Hoping to cease not till death.
Creeds and schools in abeyance,
Retiring back a while sufficed at what they are, but never forgotten,
I harbor for good or bad, I permit to speak at every hazard,
Nature without check with original energy.

2.
Houses and rooms are full of perfumes, the shelves are crowded with perfumes,
I breathe the fragrance myself and know it and like it,
The distillation would intoxicate me also, but I shall not let it.
The atmosphere is not a perfume, it has no taste of the distillation, it is odorless,
It is for my mouth forever, I am in love with it,
I will go to the bank by the wood and become undisguised and naked,
I am mad for it to be in contact with me.
The smoke of my own breath,
Echoes, ripples, buzz’d whispers, love-root, silk-thread, crotch and vine,
My respiration and inspiration, the beating of my heart, the passing of blood and air through my lungs,
The sniff of green leaves and dry leaves, and of the shore and dark-color’d sea-rocks, and of hay in the barn,
The sound of the belch’d words of my voice loos’d to the eddies of the wind,
A few light kisses, a few embraces, a reaching around of arms,
The play of shine and shade on the trees as the supple boughs wag,
The delight alone or in the rush of the streets, or along the fields and hill-sides,
The feeling of health, the full-noon trill, the song of me rising from bed and meeting the sun.
Have you reckon’d a thousand acres much? have you reckon’d the earth much?
Have you practis’d so long to learn to read?
Have you felt so proud to get at the meaning of poems?
Stop this day and night with me and you shall possess the origin of all poems,
You shall possess the good of the earth and sun, (there are millions of suns left,)
You shall no longer take things at second or third hand, nor look through
the eyes of the dead, nor feed on the spectres in books,
You shall not look through my eyes either, nor take things from me,
You shall listen to all sides and filter them from your self.

3.
I have heard what the talkers were talking, the talk of the beginning and the end,
But I do not talk of the beginning or the end.
There was never any more inception than there is now,
Nor any more youth or age than there is now,
And will never be any more perfection than there is now,
Nor any more heaven or hell than there is now.
Urge and urge and urge,
Always the procreant urge of the world.
Out of the dimness opposite equals advance, always substance and increase, always sex,
Always a knit of identity, always distinction, always a breed of life.
To elaborate is no avail, learn’d and unlearn’d feel that it is so.
Sure as the most certain sure, plumb in the uprights, well entretied, braced in the beams,
Stout as a horse, affectionate, haughty, electrical,
I and this mystery here we stand.
Clear and sweet is my soul, and clear and sweet is all that is not my soul.
Lack one lacks both, and the unseen is proved by the seen,
Till that becomes unseen and receives proof in its turn.
Showing the best and dividing it from the worst age vexes age,
Knowing the perfect fitness and equanimity of things, while they discuss I am silent, and go bathe and admire myself.
Welcome is every organ and attribute of me, and of any man hearty and clean,
Not an inch nor a particle of an inch is vile, and none shall be
less familiar than the rest.
I am satisfied—I see, dance, laugh, sing;
As the hugging and loving bed-fellow sleeps at my side through the night, and withdraws at the peep of the day with stealthy tread,
Leaving me baskets cover’d with white towels swelling the house with their plenty,
Shall I postpone my acceptation and realization and scream at my eyes,
That they turn from gazing after and down the road,
And forthwith cipher and show me to a cent,
Exactly the value of one and exactly the value of two, and which is ahead?

4.
Trippers and askers surround me,
People I meet, the effect upon me of my early life or the ward and city I live in, or the nation,
The latest dates, discoveries, inventions, societies, authors old and new,
My dinner, dress, associates, looks, compliments, dues,
The real or fancied indifference of some man or woman I love,
The sickness of one of my folks or of myself, or ill-doing or loss or lack of money, or  depressions or exaltations,
Battles, the horrors of fratricidal war, the fever of doubtful news, the fitful events;
These come to me days and nights and go from me again,
But they are not the Me myself.
Apart from the pulling and hauling stands what I am,
Stands amused, complacent, compassionating, idle, unitary,
Looks down, is erect, or bends an arm on an impalpable certain rest,
Looking with side-curved head curious what will come next,
Both in and out of the game and watching and wondering at it.
Backward I see in my own days where I sweated through fog with
linguists and contenders,
I have no mockings or arguments, I witness and wait.

5.
I believe in you my soul, the other I am must not abase itself to you,
And you must not be abased to the other.
Loafe with me on the grass, loose the stop from your throat,
Not words, not music or rhyme I want, not custom or lecture, not even the best,
Only the lull I like, the hum of your valvèd voice.
I mind how once we lay such a transparent summer morning,
How you settled your head athwart my hips and gently turn’d over upon me,
And parted the shirt from my bosom-bone, and plunged your tongue to my bare-stript heart,
And reach’d till you felt my beard, and reach’d till you held my feet.
Swiftly arose and spread around me the peace and knowledge that pass all the argument of the earth,
And I know that the hand of God is the promise of my own,
And I know that the spirit of God is the brother of my own,
And that all the men ever born are also my brothers, and the women my sisters and lovers,
And that a kelson of the creation is love,
And limitless are leaves stiff or drooping in the fields,
And brown ants in the little wells beneath them,
And mossy scabs of the worm fence, heap’d stones, elder, mullein and poke-weed.

6.
A child said What is the grass? fetching it to me with full hands;
How could I answer the child? I do not know what it is any more than he.
I guess it must be the flag of my disposition, out of hopeful green stuff woven.
Or I guess it is the handkerchief of the Lord,
A scented gift and remembrancer designedly dropt,
Bearing the owner’s name someway in the corners, that we may see and remark, and say Whose?
Or I guess the grass is itself a child, the produced babe of the vegetation.
Or I guess it is a uniform hieroglyphic,
And it means, Sprouting alike in broad zones and narrow zones,
Growing among black folks as among white,
Kanuck, Tuckahoe, Congressman, Cuff, I give them the same, I receive them the same.
And now it seems to me the beautiful uncut hair of graves.

Tenderly will I use you curling grass,
It may be you transpire from the breasts of young men,
It may be if I had known them I would have loved them,
It may be you are from old people, or from offspring taken soon out of their mothers’ laps,
And here you are the mothers’ laps.
This grass is very dark to be from the white heads of old mothers,
Darker than the colorless beards of old men,
Dark to come from under the faint red roofs of mouths.
O I perceive after all so many uttering tongues,
And I perceive they do not come from the roofs of mouths for nothing.
I wish I could translate the hints about the dead young men and women,
And the hints about old men and mothers, and the offspring taken soon out of their laps.
What do you think has become of the young and old men?
And what do you think has become of the women and children?
They are alive and well somewhere,
The smallest sprout shows there is really no death,
And if ever there was it led forward life, and does not wait at the end to arrest it,
And ceas’d the moment life appear’d.
All goes onward and outward, nothing collapses,
And to die is different from what any one supposed, and luckier.

7.
Has any one supposed it lucky to be born?
I hasten to inform him or her it is just as lucky to die, and I know it.
I pass death with the dying and birth with the new-wash’d babe, and am not contain’d between my hat and boots,
And peruse manifold objects, no two alike and every one good,
The earth good and the stars good, and their adjuncts all good.
I am not an earth nor an adjunct of an earth,
I am the mate and companion of people, all just as immortal and
fathomless as myself,
(They do not know how immortal, but I know.)
Every kind for itself and its own, for me mine male and female,
For me those that have been boys and that love women,
For me the man that is proud and feels how it stings to be slighted,
For me the sweet-heart and the old maid, for me mothers and the mothers of mothers,
For me lips that have smiled, eyes that have shed tears,
For me children and the begetters of children.
Undrape! you are not guilty to me, nor stale nor discarded,
I see through the broadcloth and gingham whether or no,
And am around, tenacious, acquisitive, tireless, and cannot be shaken away.

8.
The little one sleeps in its cradle,
I lift the gauze and look a long time, and silently brush away flies with my hand.
The youngster and the red-faced girl turn aside up the bushy hill,
I peeringly view them from the top.
The suicide sprawls on the bloody floor of the bedroom,
I witness the corpse with its dabbled hair, I note where the pistol
has fallen.
The blab of the pave, tires of carts, sluff of boot-soles, talk of the promenaders,
The heavy omnibus, the driver with his interrogating thumb, the clank of the shod horses on the granite floor,
The snow-sleighs, clinking, shouted jokes, pelts of snow-balls,
The hurrahs for popular favorites, the fury of rous’d mobs,
The flap of the curtain’d litter, a sick man inside borne to the hospital,
The meeting of enemies, the sudden oath, the blows and fall,
The excited crowd, the policeman with his star quickly working his passage to the centre of the crowd,
The impassive stones that receive and return so many echoes,
What groans of over-fed or half-starv’d who fall sunstruck or in fits,
What exclamations of women taken suddenly who hurry home and give birth to babes,
What living and buried speech is always vibrating here, what howls restrain’d by decorum,
Arrests of criminals, slights, adulterous offers made, acceptances, rejections with convex lips,
I mind them or the show or resonance of them—I come and I depart.

9.
The big doors of the country barn stand open and ready,
The dried grass of the harvest-time loads the slow-drawn wagon,
The clear light plays on the brown gray and green intertinged,
The armfuls are pack’d to the sagging mow.
I am there, I help, I came stretch’d atop of the load,
I felt its soft jolts, one leg reclined on the other,
I jump from the cross-beams and seize the clover and timothy,
And roll head over heels and tangle my hair full of wisps.

10.
Alone far in the wilds and mountains I hunt,
Wandering amazed at my own lightness and glee,
In the late afternoon choosing a safe spot to pass the night,
Kindling a fire and broiling the fresh-kill’d game,
Falling asleep on the gather’d leaves with my dog and gun by my side.
The Yankee clipper is under her sky-sails, she cuts the sparkle and scud,
My eyes settle the land, I bend at her prow or shout joyously from the deck.
The boatmen and clam-diggers arose early and stopt for me,
I tuck’d my trowser-ends in my boots and went and had a good time;
You should have been with us that day round the chowder-kettle.
I saw the marriage of the trapper in the open air in the far west,
the bride was a red girl,
Her father and his friends sat near cross-legged and dumbly smoking,
they had moccasins to their feet and large thick blankets hanging from their shoulders,
On a bank lounged the trapper, he was drest mostly in skins, his luxuriant beard and curls protected his neck, he held his bride by the hand,
She had long eyelashes, her head was bare, her coarse straight locks descended upon her voluptuous limbs and reach’d to her feet.
The runaway slave came to my house and stopt outside,
I heard his motions crackling the twigs of the woodpile,
Through the swung half-door of the kitchen I saw him limpsy and weak,
And went where he sat on a log and led him in and assured him,
And brought water and fill’d a tub for his sweated body and bruis’d feet,
And gave him a room that enter’d from my own, and gave him some coarse clean clothes,
And remember perfectly well his revolving eyes and his awkwardness,
And remember putting plasters on the galls of his neck and ankles;
He staid with me a week before he was recuperated and pass’d north,
I had him sit next me at table, my fire-lock lean’d in the corner.

11.
Twenty-eight young men bathe by the shore,
Twenty-eight young men and all so friendly;
Twenty-eight years of womanly life and all so lonesome.
She owns the fine house by the rise of the bank,
She hides handsome and richly drest aft the blinds of the window.
Which of the young men does she like the best?
Ah the homeliest of them is beautiful to her.
Where are you off to, lady? for I see you,
You splash in the water there, yet stay stock still in your room.
Dancing and laughing along the beach came the twenty-ninth bather,
The rest did not see her, but she saw them and loved them.
The beards of the young men glisten’d with wet, it ran from their long hair,
Little streams pass’d all over their bodies.
An unseen hand also pass’d over their bodies,
It descended tremblingly from their temples and ribs.
The young men float on their backs, their white bellies bulge to the sun, they do not ask who seizes fast to them,
They do not know who puffs and declines with pendant and bending arch,
They do not think whom they souse with spray.

12.
The butcher-boy puts off his killing-clothes, or sharpens his knife at the stall in the market,
I loiter enjoying his repartee and his shuffle and break-down.
Blacksmiths with grimed and hairy chests environ the anvil,
Each has his main-sledge, they are all out, there is a great heat in the fire.
From the cinder-strew’d threshold I follow their movements,
The lithe sheer of their waists plays even with their massive arms,
Overhand the hammers swing, overhand so slow, overhand so sure,
They do not hasten, each man hits in his place.

13.
The negro holds firmly the reins of his four horses, the block swags underneath on its tied-over chain,
The negro that drives the long dray of the stone-yard, steady and tall he stands pois’d on one leg on the string-piece,
His blue shirt exposes his ample neck and breast and loosens over his hip-band,
His glance is calm and commanding, he tosses the slouch of his hat away from his forehead,
The sun falls on his crispy hair and mustache, falls on the black of his polish’d and perfect limbs.
I behold the picturesque giant and love him, and I do not stop there, I go with the team also.
In me the caresser of life wherever moving, backward as well as forward sluing,
To niches aside and junior bending, not a person or object missing,
Absorbing all to myself and for this song.
Oxen that rattle the yoke and chain or halt in the leafy shade, what is that you express in your eyes?
It seems to me more than all the print I have read in my life.
My tread scares the wood-drake and wood-duck on my distant and day-long ramble,
They rise together, they slowly circle around.
I believe in those wing’d purposes,
And acknowledge red, yellow, white, playing within me,
And consider green and violet and the tufted crown intentional,
And do not call the tortoise unworthy because she is not something else,
And the jay in the woods never studied the gamut, yet trills pretty well to me,
And the look of the bay mare shames silliness out of me.

14.
The wild gander leads his flock through the cool night,
Ya-honk he says, and sounds it down to me like an invitation,
The pert may suppose it meaningless, but I listening close,
Find its purpose and place up there toward the wintry sky.
The sharp-hoof’d moose of the north, the cat on the house-sill, the chickadee, the prairie-dog,
The litter of the grunting sow as they tug at her teats,
The brood of the turkey-hen and she with her half-spread wings,
I see in them and myself the same old law.
The press of my foot to the earth springs a hundred affections,
They scorn the best I can do to relate them.
I am enamour’d of growing out-doors,
Of men that live among cattle or taste of the ocean or woods,
Of the builders and steerers of ships and the wielders of axes and mauls, and the drivers of horses,
I can eat and sleep with them week in and week out.
What is commonest, cheapest, nearest, easiest, is Me,
Me going in for my chances, spending for vast returns,
Adorning myself to bestow myself on the first that will take me,
Not asking the sky to come down to my good will,
Scattering it freely forever.

15.
The pure contralto sings in the organ loft,
The carpenter dresses his plank, the tongue of his foreplane whistles its wild ascending lisp,
The married and unmarried children ride home to their Thanksgiving dinner,
The pilot seizes the king-pin, he heaves down with a strong arm,
The mate stands braced in the whale-boat, lance and harpoon are ready,
The duck-shooter walks by silent and cautious stretches,
The deacons are ordain’d with cross’d hands at the altar,
The spinning-girl retreats and advances to the hum of the big wheel,
The farmer stops by the bars as he walks on a First-day loafe and looks at the oats and rye,
The lunatic is carried at last to the asylum a confirm’d case,
(He will never sleep any more as he did in the cot in his mother’s bed-room;)
The jour printer with gray head and gaunt jaws works at his case,
He turns his quid of tobacco while his eyes blurr with the manuscript;
The malform’d limbs are tied to the surgeon’s table,
What is removed drops horribly in a pail;
The quadroon girl is sold at the auction-stand, the drunkard nods by the bar-room stove,
The machinist rolls up his sleeves, the policeman travels his beat, the gate-keeper marks who pass,
The young fellow drives the express-wagon, (I love him, though I do not know him;)
The half-breed straps on his light boots to compete in the race,
The western turkey-shooting draws old and young, some lean on their rifles, some sit on logs,
Out from the crowd steps the marksman, takes his position, levels his piece;
The groups of newly-come immigrants cover the wharf or levee,
As the woolly-pates hoe in the sugar-field, the overseer views them from his saddle,
The bugle calls in the ball-room, the gentlemen run for their partners, the dancers bow to each other,
The youth lies awake in the cedar-roof’d garret and harks to the musical rain,
The Wolverine sets traps on the creek that helps fill the Huron,
The squaw wrapt in her yellow-hemm’d cloth is offering moccasins and bead-bags for sale,
The connoisseur peers along the exhibition-gallery with half-shut eyes bent sideways,
As the deck-hands make fast the steamboat the plank is thrown for the shore-going passengers,
The young sister holds out the skein while the elder sister winds it off in a ball, and stops now and then for the knots,
The one-year wife is recovering and happy having a week ago borne her first child,
The clean-hair’d Yankee girl works with her sewing-machine or in the factory or mill,
The paving-man leans on his two-handed rammer, the reporter’s lead flies swiftly over the note-book, the sign-painter is lettering with blue and gold,
The canal boy trots on the tow-path, the book-keeper counts at his desk, the shoemaker waxes his thread,
The conductor beats time for the band and all the performers follow him,
The child is baptized, the convert is making his first professions,
The regatta is spread on the bay, the race is begun, (how the white sails sparkle!)
The drover watching his drove sings out to them that would stray,
The pedler sweats with his pack on his back, (the purchaser higgling about the odd cent;)
The bride unrumples her white dress, the minute-hand of the clock
moves slowly,
The opium-eater reclines with rigid head and just-open’d lips,
The prostitute draggles her shawl, her bonnet bobs on her tipsy and pimpled neck,
The crowd laugh at her blackguard oaths, the men jeer and wink to
each other,
(Miserable! I do not laugh at your oaths nor jeer you;)
The President holding a cabinet council is surrounded by the great Secretaries,
On the piazza walk three matrons stately and friendly with twined arms,
The crew of the fish-smack pack repeated layers of halibut in the hold,
The Missourian crosses the plains toting his wares and his cattle,
As the fare-collector goes through the train he gives notice by the jingling of loose change,
The floor-men are laying the floor, the tinners are tinning the roof, the masons are calling for mortar,
In single file each shouldering his hod pass onward the laborers;
Seasons pursuing each other the indescribable crowd is gather’d,it
is the fourth of Seventh-month, (what salutes of cannon and small arms!)
Seasons pursuing each other the plougher ploughs, the mower mows, and the winter-grain falls in the ground;
Off on the lakes the pike-fisher watches and waits by the hole in the frozen surface,
The stumps stand thick round the clearing, the squatter strikes deep with his axe,
Flatboatmen make fast towards dusk near the cotton-wood or pecan-trees,
Coon-seekers go through the regions of the Red river or through those drain’d by the Tennessee, or through those of the Arkansas,
Torches shine in the dark that hangs on the Chattahooche or Altamahaw,
Patriarchs sit at supper with sons and grandsons and great-grand-sons around them,
In walls of adobie, in canvas tents, rest hunters and trappers after their day’s sport,
The city sleeps and the country sleeps,
The living sleep for their time, the dead sleep for their time,
The old husband sleeps by his wife and the young husband sleeps by his wife;
And these tend inward to me, and I tend outward to them,
And such as it is to be of these more or less I am,
And of these one and all I weave the song of myself.

16.
I am of old and young, of the foolish as much as the wise,
Regardless of others, ever regardful of others,
Maternal as well as paternal, a child as well as a man,
Stuff’d with the stuff that is coarse and stuff’d with the stuff that is fine,
One of the Nation of many nations, the smallest the same and the largest the same,
A Southerner soon as a Northerner, a planter nonchalant and hospitable down by the Oconee I live,
A Yankee bound my own way ready for trade, my joints the limberest joints on earth and the sternest joints on earth,
A Kentuckian walking the vale of the Elkhorn in my deer-skin leggings, a Louisianian or Georgian,
A boatman over lakes or bays or along coasts, a Hoosier, Badger, Buckeye;
At home on Kanadian snow-shoes or up in the bush, or with fishermen off Newfoundland,
At home in the fleet of ice-boats, sailing with the rest and tacking,
At home on the hills of Vermont or in the woods of Maine, or the Texan ranch,
Comrade of Californians, comrade of free North-Westerners, (loving their big proportions,)
Comrade of raftsmen and coalmen, comrade of all who shake hands and welcome to drink and meat,
A learner with the simplest, a teacher of the thoughtfullest,
A novice beginning yet experient of myriads of seasons,
Of every hue and caste am I, of every rank and religion,
A farmer, mechanic, artist, gentleman, sailor, quaker,
Prisoner, fancy-man, rowdy, lawyer, physician, priest.
I resist any thing better than my own diversity,
Breathe the air but leave plenty after me,
And am not stuck up, and am in my place.
(The moth and the fish-eggs are in their place,
The bright suns I see and the dark suns I cannot see are in their place,
The palpable is in its place and the impalpable is in its place.)

17.
These are really the thoughts of all men in all ages and lands, they are not original with me,
If they are not yours as much as mine they are nothing, or next to nothing,
If they are not the riddle and the untying of the riddle they are nothing,
If they are not just as close as they are distant they are nothing.
This is the grass that grows wherever the land is and the water is,
This the common air that bathes the globe.

18.
With music strong I come, with my cornets and my drums,
I play not marches for accepted victors only, I play marches for conquer’d and slain persons.
Have you heard that it was good to gain the day?
I also say it is good to fall, battles are lost in the same spirit in which they are won.
I beat and pound for the dead,
I blow through my embouchures my loudest and gayest for them.
Vivas to those who have fail’d!
And to those whose war-vessels sank in the sea!
And to those themselves who sank in the sea!
And to all generals that lost engagements, and all overcome heroes!
And the numberless unknown heroes equal to the greatest heroes known!

19.
This is the meal equally set, this the meat for natural hunger,
It is for the wicked just the same as the righteous, I make appointments with all,
I will not have a single person slighted or left away,
The kept-woman, sponger, thief, are hereby invited,
The heavy-lipp’d slave is invited, the venerealee is invited;
There shall be no difference between them and the rest.
This is the press of a bashful hand, this the float and odor of hair,
This the touch of my lips to yours, this the murmur of yearning,
This the far-off depth and height reflecting my own face,
This the thoughtful merge of myself, and the outlet again.
Do you guess I have some intricate purpose?
Well I have, for the Fourth-month showers have, and the mica on the side of a rock has.
Do you take it I would astonish?
Does the daylight astonish? does the early redstart twittering through the woods?
Do I astonish more than they?
This hour I tell things in confidence,
I might not tell everybody, but I will tell you.

20.
Who goes there? hankering, gross, mystical, nude;
How is it I extract strength from the beef I eat?
What is a man anyhow? what am I? what are you?

All I mark as my own you shall offset it with your own,
Else it were time lost listening to me.
I do not snivel that snivel the world over,
That months are vacuums and the ground but wallow and filth.
Whimpering and truckling fold with powders for invalids, conformity goes to the fourth-remov’d,
I wear my hat as I please indoors or out.
Why should I pray? why should I venerate and be ceremonious?

Having pried through the strata, analyzed to a hair, counsel’d with doctors and calculated close,
I find no sweeter fat than sticks to my own bones.
In all people I see myself, none more and not one a barley-corn less,
And the good or bad I say of myself I say of them.
I know I am solid and sound,
To me the converging objects of the universe perpetually flow,
All are written to me, and I must get what the writing means.
I know I am deathless,
I know this orbit of mine cannot be swept by a carpenter’s compass,
I know I shall not pass like a child’s carlacue cut with a burnt stick at night.
I know I am august,
I do not trouble my spirit to vindicate itself or be understood,
I see that the elementary laws never apologize,
(I reckon I behave no prouder than the level I plant my house by, after all.)
I exist as I am, that is enough,
If no other in the world be aware I sit content,
And if each and all be aware I sit content.
One world is aware and by far the largest to me, and that is myself,
And whether I come to my own to-day or in ten thousand or ten million years,
I can cheerfully take it now, or with equal cheerfulness I can wait.
My foothold is tenon’d and mortis’d in granite,
I laugh at what you call dissolution,
And I know the amplitude of time.

21.
I am the poet of the Body and I am the poet of the Soul,
The pleasures of heaven are with me and the pains of hell are with me,
The first I graft and increase upon myself, the latter I translate into a new tongue.
I am the poet of the woman the same as the man,
And I say it is as great to be a woman as to be a man,
And I say there is nothing greater than the mother of men.
I chant the chant of dilation or pride,
We have had ducking and deprecating about enough,
I show that size is only development.
Have you outstript the rest? are you the President?
It is a trifle, they will more than arrive there every one, and still pass on.
I am he that walks with the tender and growing night,
I call to the earth and sea half-held by the night.
Press close bare-bosom’d night—press close magnetic nourishing night!
Night of south winds—night of the large few stars!
Still nodding night—mad naked summer night.
Smile O voluptuous cool-breath’d earth!
Earth of the slumbering and liquid trees!
Earth of departed sunset—earth of the mountains misty-topt!
Earth of the vitreous pour of the full moon just tinged with blue!
Earth of shine and dark mottling the tide of the river!
Earth of the limpid gray of clouds brighter and clearer for my sake!
Far-swooping elbow’d earth—rich apple-blossom’d earth!
Smile, for your lover comes.
Prodigal, you have given me love—therefore I to you give love!
O unspeakable passionate love.
Thruster holding me tight and that I hold tight!
We hurt each other as the bridegroom and the bride hurt each other.

22.
You sea! I resign myself to you also—I guess what you mean,
I behold from the beach your crooked inviting fingers,
I believe you refuse to go back without feeling of me,
We must have a turn together, I undress, hurry me out of sight of the land,
Cushion me soft, rock me in billowy drowse,
Dash me with amorous wet, I can repay you.
Sea of stretch’d ground-swells,
Sea breathing broad and convulsive breaths,
Sea of the brine of life and of unshovell’d yet always-ready graves,
Howler and scooper of storms, capricious and dainty sea,
I am integral with you, I too am of one phase and of all phases.
Partaker of influx and efflux I, extoller of hate and conciliation,
Extoller of amies and those that sleep in each others’ arms.
I am he attesting sympathy,
(Shall I make my list of things in the house and skip the house that supports them?)
I am not the poet of goodness only, I do not decline to be the poet of wickedness also.
What blurt is this about virtue and about vice?
Evil propels me and reform of evil propels me, I stand indifferent,
My gait is no fault-finder’s or rejecter’s gait,
I moisten the roots of all that has grown.
Did you fear some scrofula out of the unflagging pregnancy?
Did you guess the celestial laws are yet to be work’d over and rectified?
I find one side a balance and the antipodal side a balance,
Soft doctrine as steady help as stable doctrine,
Thoughts and deeds of the present our rouse and early start.
This minute that comes to me over the past decillions,
There is no better than it and now.
What behaved well in the past or behaves well to-day is not such a wonder,
The wonder is always and always how there can be a mean man or an infidel.

23.
Endless unfolding of words of ages!
And mine a word of the modern, the word En-Masse.
A word of the faith that never balks,
Here or henceforward it is all the same to me, I accept Time absolutely.
It alone is without flaw, it alone rounds and completes all,
That mystic baffling wonder alone completes all.
I accept Reality and dare not question it,
Materialism first and last imbuing.
Hurrah for positive science! long live exact demonstration!
Fetch stonecrop mixt with cedar and branches of lilac,
This is the lexicographer, this the chemist, this made a grammar of the old cartouches,
These mariners put the ship through dangerous unknown seas.
This is the geologist, this works with the scalpel, and this is a mathematician.
Gentlemen, to you the first honors always!
Your facts are useful, and yet they are not my dwelling,
I but enter by them to an area of my dwelling.
Less the reminders of properties told my words,
And more the reminders they of life untold, and of freedom and extrication,
And make short account of neuters and geldings, and favor men and women fully equipt,
And beat the gong of revolt, and stop with fugitives and them that plot and conspire.

24.
Walt Whitman, a kosmos, of Manhattan the son,
Turbulent, fleshy, sensual, eating, drinking and breeding,
No sentimentalist, no stander above men and women or apart from them,
No more modest than immodest.
Unscrew the locks from the doors!
Unscrew the doors themselves from their jambs!
Whoever degrades another degrades me,
And whatever is done or said returns at last to me.
Through me the afflatus surging and surging, through me the current and index.
I speak the pass-word primeval, I give the sign of democracy,
By God! I will accept nothing which all cannot have their counterpart of on the same terms.
Through me many long dumb voices,
Voices of the interminable generations of prisoners and slaves,
Voices of the diseas’d and despairing and of thieves and dwarfs,
Voices of cycles of preparation and accretion,
And of the threads that connect the stars, and of wombs and of the father-stuff,
And of the rights of them the others are down upon,
Of the deform’d, trivial, flat, foolish, despised,
Fog in the air, beetles rolling balls of dung.
Through me forbidden voices,
Voices of sexes and lusts, voices veil’d and I remove the veil,
Voices indecent by me clarified and transfigur’d.
I do not press my fingers across my mouth,
I keep as delicate around the bowels as around the head and heart,
Copulation is no more rank to me than death is.
I believe in the flesh and the appetites,
Seeing, hearing, feeling, are miracles, and each part and tag of me is a miracle.
Divine am I inside and out, and I make holy whatever I touch or am touch’d from,
The scent of these arm-pits aroma finer than prayer,
This head more than churches, bibles, and all the creeds.
If I worship one thing more than another it shall be the spread of
my own body, or any part of it,
Translucent mould of me it shall be you!
Shaded ledges and rests it shall be you!
Firm masculine colter it shall be you!
Whatever goes to the tilth of me it shall be you!
You my rich blood! your milky stream pale strippings of my life!
Breast that presses against other breasts it shall be you!
My brain it shall be your occult convolutions!
Root of wash’d sweet-flag! timorous pond-snipe! nest of guarded duplicate eggs! it shall be you!
Mix’d tussled hay of head, beard, brawn, it shall be you!
Trickling sap of maple, fibre of manly wheat, it shall be you!
Sun so generous it shall be you!
Vapors lighting and shading my face it shall be you!
You sweaty brooks and dews it shall be you!
Winds whose soft-tickling genitals rub against me it shall be you!
Broad muscular fields, branches of live oak, loving lounger in my winding paths, it shall be you!
Hands I have taken, face I have kiss’d, mortal I have ever touch’d, it shall be you.
I dote on myself, there is that lot of me and all so luscious,
Each moment and whatever happens thrills me with joy,
I cannot tell how my ankles bend, nor whence the cause of my faintest wish,
Nor the cause of the friendship I emit, nor the cause of the friendship I take again.
That I walk up my stoop, I pause to consider if it really be,
A morning-glory at my window satisfies me more than the metaphysics of books.
To behold the day-break!
The little light fades the immense and diaphanous shadows,
The air tastes good to my palate.
Hefts of the moving world at innocent gambols silently rising freshly exuding,
Scooting obliquely high and low.
Something I cannot see puts upward libidinous prongs,
Seas of bright juice suffuse heaven.
The earth by the sky staid with, the daily close of their junction,
The heav’d challenge from the east that moment over my head,
The mocking taunt. See then whether you shall be master!

25.
Dazzling and tremendous how quick the sun-rise would kill me,
If I could not now and always send sun-rise out of me.
We also ascend dazzling and tremendous as the sun,
We found our own O my soul in the calm and cool of the daybreak.
My voice goes after what my eyes cannot reach,
With the twirl of my tongue I encompass worlds and volumes of worlds.
Speech is the twin of my vision, it is unequal to measure itself,
It provokes me forever, it says sarcastically,
Walt you contain enough, why don’t you let it out then?
Come now I will not be tantalized, you conceive too much of articulation,
Do you not know O speech how the buds beneath you are folded?
Waiting in gloom, protected by frost,
The dirt receding before my prophetical screams,
I underlying causes to balance them at last,
My knowledge my live parts, it keeping tally with the meaning of all things,
Happiness, (which whoever hears me let him or her set out in search of this day.)
My final merit I refuse you, I refuse putting from me what I really am,
Encompass worlds, but never try to encompass me,
I crowd your sleekest and best by simply looking toward you.
Writing and talk do not prove me,
I carry the plenum of proof and every thing else in my face,
With the hush of my lips I wholly confound the skeptic.

26.
Now I will do nothing but listen,
To accrue what I hear into this song, to let sounds contribute toward it.
I hear bravuras of birds, bustle of growing wheat, gossip of flames, clack of sticks cooking my meals,
I hear the sound I love, the sound of the human voice,
I hear all sounds running together, combined, fused or following,
Sounds of the city and sounds out of the city, sounds of the day and night,
Talkative young ones to those that like them, the loud laugh of work-people at their meals,
The angry base of disjointed friendship, the faint tones of the sick,
The judge with hands tight to the desk, his pallid lips pronouncing a death-sentence,
The heave’e’yo of stevedores unlading ships by the wharves, the refrain of the anchor-lifters,
The ring of alarm-bells, the cry of fire, the whirr of swift-streaking engines and hose-carts with  premonitory tinkles and color’d lights,
The steam-whistle, the solid roll of the train of approaching cars,
The slow march play’d at the head of the association marching two and two,
(They go to guard some corpse, the flag-tops are draped with black muslin.)
I hear the violoncello, (‘tis the young man’s heart’s complaint,)
I hear the key’d cornet, it glides quickly in through my ears,
It shakes mad-sweet pangs through my belly and breast.
I hear the chorus, it is a grand opera,
Ah this indeed is music—this suits me.
A tenor large and fresh as the creation fills me,
The orbic flex of his mouth is pouring and filling me full.
I hear the train’d soprano (what work with hers is this?)
The orchestra whirls me wider than Uranus flies,
It wrenches such ardors from me I did not know I possess’d them,
It sails me, I dab with bare feet, they are lick’d by the indolent waves,
I am cut by bitter and angry hail, I lose my breath,
Steep’d amid honey’d morphine, my windpipe throttled in fakes of death,
At length let up again to feel the puzzle of puzzles,
And that we call Being.

27.
To be in any form, what is that?
(Round and round we go, all of us, and ever come back thither,)
If nothing lay more develop’d the quahaug in its callous shell were enough.
Mine is no callous shell,
I have instant conductors all over me whether I pass or stop,
They seize every object and lead it harmlessly through me.
I merely stir, press, feel with my fingers, and am happy,
To touch my person to some one else’s is about as much as I can stand.

28.
Is this then a touch? quivering me to a new identity,
Flames and ether making a rush for my veins,
Treacherous tip of me reaching and crowding to help them,
My flesh and blood playing out lightning to strike what is hardly different from myself,
On all sides prurient provokers stiffening my limbs,
Straining the udder of my heart for its withheld drip,
Behaving licentious toward me, taking no denial,
Depriving me of my best as for a purpose,
Unbuttoning my clothes, holding me by the bare waist,
Deluding my confusion with the calm of the sunlight and pasture-fields,
Immodestly sliding the fellow-senses away,
They bribed to swap off with touch and go and graze at the edges of me,
No consideration, no regard for my draining strength or my anger,
Fetching the rest of the herd around to enjoy them a while,
Then all uniting to stand on a headland and worry me.
The sentries desert every other part of me,
They have left me helpless to a red marauder,
They all come to the headland to witness and assist against me.
I am given up by traitors,
I talk wildly, I have lost my wits, I and nobody else am the greatest traitor,
I went myself first to the headland, my own hands carried me there.
You villain touch! what are you doing? my breath is tight in its throat,
Unclench your floodgates, you are too much for me.

29.
Blind loving wrestling touch, sheath’d hooded sharp-tooth’d touch!
Did it make you ache so, leaving me?
Parting track’d by arriving, perpetual payment of perpetual loan,
Rich showering rain, and recompense richer afterward.
Sprouts take and accumulate, stand by the curb prolific and vital,
Landscapes projected masculine, full-sized and golden.

30.
All truths wait in all things,
They neither hasten their own delivery nor resist it,
They do not need the obstetric forceps of the surgeon,
The insignificant is as big to me as any,
(What is less or more than a touch?)
Logic and sermons never convince,
The damp of the night drives deeper into my soul.
(Only what proves itself to every man and woman is so,
Only what nobody denies is so.)
A minute and a drop of me settle my brain,
I believe the soggy clods shall become lovers and lamps,
And a compend of compends is the meat of a man or woman,
And a summit and flower there is the feeling they have for each other,
And they are to branch boundlessly out of that lesson until it becomes omnific,
And until one and all shall delight us, and we them.

31.
I believe a leaf of grass is no less than the journey-work of the stars,
And the pismire is equally perfect, and a grain of sand, and the egg of the wren,
And the tree-toad is a chef-d’oeuvre for the highest,
And the running blackberry would adorn the parlors of heaven,
And the narrowest hinge in my hand puts to scorn all machinery,
And the cow crunching with depress’d head surpasses any statue,
And a mouse is miracle enough to stagger sextillions of infidels.
I find I incorporate gneiss, coal, long-threaded moss, fruits, grains, esculent roots,
And am stucco’d with quadrupeds and birds all over,
And have distanced what is behind me for good reasons,
But call any thing back again when I desire it.
In vain the speeding or shyness,
In vain the plutonic rocks send their old heat against my approach,
In vain the mastodon retreats beneath its own powder’d bones,
In vain objects stand leagues off and assume manifold shapes,
In vain the ocean settling in hollows and the great monsters lying low,
In vain the buzzard houses herself with the sky,
In vain the snake slides through the creepers and logs,
In vain the elk takes to the inner passes of the woods,
In vain the razor-bill’d auk sails far north to Labrador,
I follow quickly, I ascend to the nest in the fissure of the cliff.

32.
I think I could turn and live with animals, they are so placid and self-contain’d,
I stand and look at them long and long.
They do not sweat and whine about their condition,
They do not lie awake in the dark and weep for their sins,
They do not make me sick discussing their duty to God,
Not one is dissatisfied, not one is demented with the mania of owning things,
Not one kneels to another, nor to his kind that lived thousands of years ago,
Not one is respectable or unhappy over the whole earth.
So they show their relations to me and I accept them,
They bring me tokens of myself, they evince them plainly in their possession.
I wonder where they get those tokens,
Did I pass that way huge times ago and negligently drop them?
Myself moving forward then and now and forever,
Gathering and showing more always and with velocity,
Infinite and omnigenous, and the like of these among them,
Not too exclusive toward the reachers of my remembrancers,
Picking out here one that I love, and now go with him on brotherly terms.
A gigantic beauty of a stallion, fresh and responsive to my caresses,
Head high in the forehead, wide between the ears,
Limbs glossy and supple, tail dusting the ground,
Eyes full of sparkling wickedness, ears finely cut, flexibly moving.
His nostrils dilate as my heels embrace him,
His well-built limbs tremble with pleasure as we race around and return.
I but use you a minute, then I resign you, stallion,
Why do I need your paces when I myself out-gallop them?
Even as I stand or sit passing faster than you.

33.
Space and Time! now I see it is true, what I guess’d at,
What I guess’d when I loaf’d on the grass,
What I guess’d while I lay alone in my bed,
And again as I walk’d the beach under the paling stars of the morning.
My ties and ballasts leave me, my elbows rest in sea-gaps,
I skirt sierras, my palms cover continents,
I am afoot with my vision.
By the city’s quadrangular houses—in log huts, camping with lumber-men,
Along the ruts of the turnpike, along the dry gulch and rivulet bed,
Weeding my onion-patch or hoeing rows of carrots and parsnips, crossing savannas, trailing in forests,
Prospecting, gold-digging, girdling the trees of a new purchase,
Scorch’d ankle-deep by the hot sand, hauling my boat down the shallow river,
Where the panther walks to and fro on a limb overhead, where the buck turns furiously at the hunter,
Where the rattlesnake suns his flabby length on a rock, where the otter is feeding on fish,
Where the alligator in his tough pimples sleeps by the bayou,
Where the black bear is searching for roots or honey, where the beaver pats the mud with his paddle-shaped tail;
Over the growing sugar, over the yellow-flower’d cotton plant, over the rice in its low moist field,
Over the sharp-peak’d farm house, with its scallop’d scum and slender shoots from the gutters,
Over the western persimmon, over the long-leav’d corn, over the delicate blue-flower flax,
Over the white and brown buckwheat, a hummer and buzzer there with the rest,
Over the dusky green of the rye as it ripples and shades in the breeze;
Scaling mountains, pulling myself cautiously up, holding on by low scragged limbs,
Walking the path worn in the grass and beat through the leaves of the brush,
Where the quail is whistling betwixt the woods and the wheat-lot,
Where the bat flies in the Seventh-month eve, where the great goldbug drops through the dark,
Where the brook puts out of the roots of the old tree and flows to the meadow,
Where cattle stand and shake away flies with the tremulous shuddering of their hides,
Where the cheese-cloth hangs in the kitchen, where andirons straddle the hearth-slab, where cobwebs fall in festoons from the rafters;
Where trip-hammers crash, where the press is whirling its cylinders,
Wherever the human heart beats with terrible throes under its ribs,
Where the pear-shaped balloon is floating aloft, (floating in it myself and looking composedly down,)
Where the life-car is drawn on the slip-noose, where the heat hatches pale-green eggs in the dented sand,
Where the she-whale swims with her calf and never forsakes it,
Where the steam-ship trails hind-ways its long pennant of smoke,
Where the fin of the shark cuts like a black chip out of the water,
Where the half-burn’d brig is riding on unknown currents,
Where shells grow to her slimy deck, where the dead are corrupting below;
Where the dense-starr’d flag is borne at the head of the regiments,
Approaching Manhattan up by the long-stretching island,
Under Niagara, the cataract falling like a veil over my countenance,
Upon a door-step, upon the horse-block of hard wood outside,
Upon the race-course, or enjoying picnics or jigs or a good game of base-ball,
At he-festivals, with blackguard gibes, ironical license, bull-dances, drinking, laughter,
At the cider-mill tasting the sweets of the brown mash, sucking the juice through a straw,
At apple-peelings wanting kisses for all the red fruit I find,
At musters, beach-parties, friendly bees, huskings, house-raisings;
Where the mocking-bird sounds his delicious gurgles, cackles, screams, weeps,
Where the hay-rick stands in the barn-yard, where the dry-stalks are scatter’d, where the brood-cow waits in the hovel,
Where the bull advances to do his masculine work, where the stud to the mare, where the cock is treading the hen,
Where the heifers browse, where geese nip their food with short jerks,
Where sun-down shadows lengthen over the limitless and lonesome prairie,
Where herds of buffalo make a crawling spread of the square miles far and near,
Where the humming-bird shimmers, where the neck of the long-lived swan is curving and winding,
Where the laughing-gull scoots by the shore, where she laughs her near-human laugh,
Where bee-hives range on a gray bench in the garden half hid by the high weeds,
Where band-neck’d partridges roost in a ring on the ground with their heads out,
Where burial coaches enter the arch’d gates of a cemetery,
Where winter wolves bark amid wastes of snow and icicled trees,
Where the yellow-crown’d heron comes to the edge of the marsh at night and feeds upon small crabs,
Where the splash of swimmers and divers cools the warm noon,
Where the katy-did works her chromatic reed on the walnut-tree over the well,
Through patches of citrons and cucumbers with silver-wired leaves,
Through the salt-lick or orange glade, or under conical firs,
Through the gymnasium, through the curtain’d saloon, through the office or public hall;
Pleas’d with the native and pleas’d with the foreign, pleas’d with the new and old,
Pleas’d with the homely woman as well as the handsome,
Pleas’d with the quakeress as she puts off her bonnet and talks melodiously,
Pleas’d with the tune of the choir of the whitewash’d church,
Pleas’d with the earnest words of the sweating Methodist preacher, impress’d seriously at the camp-meeting;
Looking in at the shop-windows of Broadway the whole forenoon, flatting the flesh of my nose on the thick plate glass,
Wandering the same afternoon with my face turn’d up to the clouds, or down a lane or along the beach,
My right and left arms round the sides of two friends, and I in the middle;
Coming home with the silent and dark-cheek’d bush-boy, (behind me he rides at the drape of the day,)
Far from the settlements studying the print of animals’ feet, or the moccasin print,
By the cot in the hospital reaching lemonade to a feverish patient,
Nigh the coffin’d corpse when all is still, examining with a candle;
Voyaging to every port to dicker and adventure,
Hurrying with the modern crowd as eager and fickle as any,
Hot toward one I hate, ready in my madness to knife him,
Solitary at midnight in my back yard, my thoughts gone from me a long while,
Walking the old hills of Judaea with the beautiful gentle God by my side,
Speeding through space, speeding through heaven and the stars,
Speeding amid the seven satellites and the broad ring, and the
diameter of eighty thousand miles,
Speeding with tail’d meteors, throwing fire-balls like the rest,
Carrying the crescent child that carries its own full mother in its belly,
Storming, enjoying, planning, loving, cautioning,
Backing and filling, appearing and disappearing,
I tread day and night such roads.
I visit the orchards of spheres and look at the product,
And look at quintillions ripen’d and look at quintillions green.
I fly those flights of a fluid and swallowing soul,
My course runs below the soundings of plummets.
I help myself to material and immaterial,
No guard can shut me off, no law prevent me.
I anchor my ship for a little while only,
My messengers continually cruise away or bring their returns to me.
I go hunting polar furs and the seal, leaping chasms with a
pike-pointed staff, clinging to topples of brittle and blue.
I ascend to the foretruck,
I take my place late at night in the crow’s-nest,
We sail the arctic sea, it is plenty light enough,
Through the clear atmosphere I stretch around on the wonderful beauty,
The enormous masses of ice pass me and I pass them, the scenery is plain in all directions,
The white-topt mountains show in the distance, I fling out my fancies toward them,
We are approaching some great battle-field in which we are soon to be engaged,
We pass the colossal outposts of the encampment, we pass with still feet and caution,
Or we are entering by the suburbs some vast and ruin’d city,
The blocks and fallen architecture more than all the living cities of the globe.
I am a free companion, I bivouac by invading watchfires,
I turn the bridegroom out of bed and stay with the bride myself,
I tighten her all night to my thighs and lips.
My voice is the wife’s voice, the screech by the rail of the stairs,
They fetch my man’s body up dripping and drown’d.
I understand the large hearts of heroes,
The courage of present times and all times,
How the skipper saw the crowded and rudderless wreck of the
steam-ship, and Death chasing it up and down the storm,
How he knuckled tight and gave not back an inch, and was faithful of days and faithful of nights,
And chalk’d in large letters on a board, Be of good cheer, we will not desert you;
How he follow’d with them and tack’d with them three days and would not give it up,
How he saved the drifting company at last,
How the lank loose-gown’d women look’d when boated from the side of their prepared graves,
How the silent old-faced infants and the lifted sick, and the sharp-lipp’d unshaved men;
All this I swallow, it tastes good, I like it well, it becomes mine,
I am the man, I suffer’d, I was there.
The disdain and calmness of martyrs,
The mother of old, condemn’d for a witch, burnt with dry wood, her children gazing on,
The hounded slave that flags in the race, leans by the fence, blowing, cover’d with sweat,
The twinges that sting like needles his legs and neck, the murderous buckshot and the bullets,
All these I feel or am.
I am the hounded slave, I wince at the bite of the dogs,
Hell and despair are upon me, crack and again crack the marksmen,
I clutch the rails of the fence, my gore dribs, thinn’d with the ooze of my skin,
I fall on the weeds and stones,
The riders spur their unwilling horses, haul close,
Taunt my dizzy ears and beat me violently over the head with whip-stocks.
Agonies are one of my changes of garments,
I do not ask the wounded person how he feels, I myself become the wounded person,
My hurts turn livid upon me as I lean on a cane and observe.
I am the mash’d fireman with breast-bone broken,
Tumbling walls buried me in their debris,
Heat and smoke I inspired, I heard the yelling shouts of my comrades,
I heard the distant click of their picks and shovels,
They have clear’d the beams away, they tenderly lift me forth.
I lie in the night air in my red shirt, the pervading hush is for my sake,
Painless after all I lie exhausted but not so unhappy,
White and beautiful are the faces around me, the heads are bared of their fire-caps,
The kneeling crowd fades with the light of the torches.
Distant and dead resuscitate,
They show as the dial or move as the hands of me, I am the clock myself.
I am an old artillerist, I tell of my fort’s bombardment,
I am there again.
Again the long roll of the drummers,
Again the attacking cannon, mortars,
Again to my listening ears the cannon responsive.
I take part, I see and hear the whole,
The cries, curses, roar, the plaudits for well-aim’d shots,
The ambulanza slowly passing trailing its red drip,
Workmen searching after damages, making indispensable repairs,
The fall of grenades through the rent roof, the fan-shaped explosion,
The whizz of limbs, heads, stone, wood, iron, high in the air.
Again gurgles the mouth of my dying general, he furiously waves with his hand,
He gasps through the clot Mind not me—mind—the entrenchments.

34.
Now I tell what I knew in Texas in my early youth,
(I tell not the fall of Alamo,
Not one escaped to tell the fall of Alamo,
The hundred and fifty are dumb yet at Alamo,)
‘Tis the tale of the murder in cold blood of four hundred and twelve young men.
Retreating they had form’d in a hollow square with their baggage for breastworks,
Nine hundred lives out of the surrounding enemy’s, nine times their number, was the price they took in advance,
Their colonel was wounded and their ammunition gone,
They treated for an honorable capitulation, receiv’d writing and seal, gave up their arms and march’d back prisoners of war.
They were the glory of the race of rangers,
Matchless with horse, rifle, song, supper, courtship,
Large, turbulent, generous, handsome, proud, and affectionate,
Bearded, sunburnt, drest in the free costume of hunters,
Not a single one over thirty years of age.
The second First-day morning they were brought out in squads and massacred, it was beautiful early summer,
The work commenced about five o’clock and was over by eight.
None obey’d the command to kneel,
Some made a mad and helpless rush, some stood stark and straight,
A few fell at once, shot in the temple or heart, the living and dead lay together,
The maim’d and mangled dug in the dirt, the new-comers saw them there,
Some half-kill’d attempted to crawl away,
These were despatch’d with bayonets or batter’d with the blunts of muskets,
A youth not seventeen years old seiz’d his assassin till two more came to release him,
The three were all torn and cover’d with the boy’s blood.
At eleven o’clock began the burning of the bodies;
That is the tale of the murder of the four hundred and twelve young men.

35.
Would you hear of an old-time sea-fight?
Would you learn who won by the light of the moon and stars?
List to the yarn, as my grandmother’s father the sailor told it to me.
Our foe was no skulk in his ship I tell you, (said he,)
His was the surly English pluck, and there is no tougher or truer, and never was, and never will be;
Along the lower’d eve he came horribly raking us.
We closed with him, the yards entangled, the cannon touch’d,
My captain lash’d fast with his own hands.
We had receiv’d some eighteen pound shots under the water,
On our lower-gun-deck two large pieces had burst at the first fire,
killing all around and blowing up overhead.
Fighting at sun-down, fighting at dark,
Ten o’clock at night, the full moon well up, our leaks on the gain, and five feet of water reported,
The master-at-arms loosing the prisoners confined in the after-hold to give them a chance for  themselves.
The transit to and from the magazine is now stopt by the sentinels,
They see so many strange faces they do not know whom to trust.
Our frigate takes fire,
The other asks if we demand quarter?
If our colors are struck and the fighting done?
Now I laugh content, for I hear the voice of my little captain,
We have not struck, he composedly cries, we have just begun our part of the fighting.
Only three guns are in use,
One is directed by the captain himself against the enemy’s main-mast,
Two well serv’d with grape and canister silence his musketry and clear his decks.
The tops alone second the fire of this little battery, especially the main-top,
They hold out bravely during the whole of the action.
Not a moment’s cease,
The leaks gain fast on the pumps, the fire eats toward the powder-magazine.
One of the pumps has been shot away, it is generally thought we are sinking.
Serene stands the little captain,
He is not hurried, his voice is neither high nor low,
His eyes give more light to us than our battle-lanterns.
Toward twelve there in the beams of the moon they surrender to us.

36.
Stretch’d and still lies the midnight,
Two great hulls motionless on the breast of the darkness,
Our vessel riddled and slowly sinking, preparations to pass to the one we have conquer’d,
The captain on the quarter-deck coldly giving his orders through a countenance white as a sheet,
Near by the corpse of the child that serv’d in the cabin,
The dead face of an old salt with long white hair and carefully curl’d whiskers,
The flames spite of all that can be done flickering aloft and below,
The husky voices of the two or three officers yet fit for duty,
Formless stacks of bodies and bodies by themselves, dabs of flesh upon the masts and spars,
Cut of cordage, dangle of rigging, slight shock of the soothe of waves,
Black and impassive guns, litter of powder-parcels, strong scent,
A few large stars overhead, silent and mournful shining,
Delicate sniffs of sea-breeze, smells of sedgy grass and fields by the shore, death-messages given in charge to survivors,
The hiss of the surgeon’s knife, the gnawing teeth of his saw,
Wheeze, cluck, swash of falling blood, short wild scream, and long, dull, tapering groan,
These so, these irretrievable.

37.
You laggards there on guard! look to your arms!
In at the conquer’d doors they crowd! I am possess’d!
Embody all presences outlaw’d or suffering,
See myself in prison shaped like another man,
And feel the dull unintermitted pain.
For me the keepers of convicts shoulder their carbines and keep watch,
It is I let out in the morning and barr’d at night.
Not a mutineer walks handcuff’d to jail but I am handcuff’d to him and walk by his side,
(I am less the jolly one there, and more the silent one with sweat on my twitching lips.)
Not a youngster is taken for larceny but I go up too, and am tried and sentenced.
Not a cholera patient lies at the last gasp but I also lie at the last gasp,
My face is ash-color’d, my sinews gnarl, away from me people retreat.
Askers embody themselves in me and I am embodied in them,
I project my hat, sit shame-faced, and beg.

38.
Enough! enough! enough!
Somehow I have been stunn’d. Stand back!
Give me a little time beyond my cuff’d head, slumbers, dreams, gaping,
I discover myself on the verge of a usual mistake.
That I could forget the mockers and insults!
That I could forget the trickling tears and the blows of the bludgeons and hammers!
That I could look with a separate look on my own crucifixion and bloody crowning.
I remember now,
I resume the overstaid fraction,
The grave of rock multiplies what has been confided to it, or to any graves,
Corpses rise, gashes heal, fastenings roll from me.
I troop forth replenish’d with supreme power, one of an average unending procession,
Inland and sea-coast we go, and pass all boundary lines,
Our swift ordinances on their way over the whole earth,
The blossoms we wear in our hats the growth of thousands of years.
Eleves, I salute you! come forward!
Continue your annotations, continue your questionings.

39.
The friendly and flowing savage, who is he?
Is he waiting for civilization, or past it and mastering it?
Is he some Southwesterner rais’d out-doors? is he Kanadian?
Is he from the Mississippi country? Iowa, Oregon, California?
The mountains? prairie-life, bush-life? or sailor from the sea?
Wherever he goes men and women accept and desire him,
They desire he should like them, touch them, speak to them, stay with them.
Behavior lawless as snow-flakes, words simple as grass, uncomb’d head, laughter, and naivetè,
Slow-stepping feet, common features, common modes and emanations,
They descend in new forms from the tips of his fingers,
They are wafted with the odor of his body or breath, they fly out of the glance of his eyes.

40.
Flaunt of the sunshine I need not your bask—lie over!
You light surfaces only, I force surfaces and depths also.
Earth! you seem to look for something at my hands,
Say, old top-knot, what do you want?
Man or woman, I might tell how I like you, but cannot,
And might tell what it is in me and what it is in you, but cannot,
And might tell that pining I have, that pulse of my nights and days.
Behold, I do not give lectures or a little charity,
When I give I give myself.
You there, impotent, loose in the knees,
Open your scarf’d chops till I blow grit within you,
Spread your palms and lift the flaps of your pockets,
I am not to be denied, I compel, I have stores plenty and to spare,
And any thing I have I bestow.
I do not ask who you are, that is not important to me,
You can do nothing and be nothing but what I will infold you.
To cotton-field drudge or cleaner of privies I lean,
On his right cheek I put the family kiss,
And in my soul I swear I never will deny him.
On women fit for conception I start bigger and nimbler babes,
(This day I am jetting the stuff of far more arrogant republics.)
To any one dying, thither I speed and twist the knob of the door,
Turn the bed-clothes toward the foot of the bed,
Let the physician and the priest go home.
I seize the descending man and raise him with resistless will,
O despairer, here is my neck,
By God, you shall not go down! hang your whole weight upon me.
I dilate you with tremendous breath, I buoy you up,
Every room of the house do I fill with an arm’d force,
Lovers of me, bafflers of graves.
Sleep—I and they keep guard all night,
Not doubt, not decease shall dare to lay finger upon you,
I have embraced you, and henceforth possess you to myself,
And when you rise in the morning you will find what I tell you is so.

41.
I am he bringing help for the sick as they pant on their backs,
And for strong upright men I bring yet more needed help.
I heard what was said of the universe,
Heard it and heard it of several thousand years;
It is middling well as far as it goes—but is that all?
Magnifying and applying come I,
Outbidding at the start the old cautious hucksters,
Taking myself the exact dimensions of Jehovah,
Lithographing Kronos, Zeus his son, and Hercules his grandson,
Buying drafts of Osiris, Isis, Belus, Brahma, Buddha,
In my portfolio placing Manito loose, Allah on a leaf, the crucifix engraved,
With Odin and the hideous-faced Mexitli and every idol and image,
Taking them all for what they are worth and not a cent more,
Admitting they were alive and did the work of their days,
(They bore mites as for unfledg’d birds who have now to rise and fly and sing for themselves,)
Accepting the rough deific sketches to fill out better in myself, bestowing them freely on each man and woman I see,
Discovering as much or more in a framer framing a house,
Putting higher claims for him there with his roll’d-up sleeves driving the mallet and chisel,
Not objecting to special revelations, considering a curl of smoke or a hair on the back of my hand just as curious as any revelation,
Lads ahold of fire-engines and hook-and-ladder ropes no less to me than the gods of the antique wars,
Minding their voices peal through the crash of destruction,
Their brawny limbs passing safe over charr’d laths, their white foreheads whole and unhurt out of the flames;
By the mechanic’s wife with her babe at her nipple interceding for every person born,
Three scythes at harvest whizzing in a row from three lusty angels with shirts bagg’d out at their waists,
The snag-tooth’d hostler with red hair redeeming sins past and to come,
Selling all he possesses, traveling on foot to fee lawyers for his brother and sit by him while he is tried for forgery;
What was strewn in the amplest strewing the square rod about me, and not filling the square rod then,
The bull and the bug never worshipp’d half enough,
Dung and dirt more admirable than was dream’d,
The supernatural of no account, myself waiting my time to be one of the supremes,
The day getting ready for me when I shall do as much good as the best, and be as prodigious;
By my life-lumps! becoming already a creator,
Putting myself here and now to the ambush’d womb of the shadows.

42.
A call in the midst of the crowd,
My own voice, orotund sweeping and final.
Come my children,
Come my boys and girls, my women, household and intimates,
Now the performer launches his nerve, he has pass’d his prelude on the reeds within.
Easily written loose-finger’d chords—I feel the thrum of your climax and close.
My head slues round on my neck,
Music rolls, but not from the organ,
Folks are around me, but they are no household of mine.
Ever the hard unsunk ground,
Ever the eaters and drinkers, ever the upward and downward sun, ever the air and the ceaseless tides,
Ever myself and my neighbors, refreshing, wicked, real,
Ever the old inexplicable query, ever that thorn’d thumb, that breath of itches and thirsts,
Ever the vexer’s hoot! hoot! till we find where the sly one hides and bring him forth,
Ever love, ever the sobbing liquid of life,
Ever the bandage under the chin, ever the trestles of death.
Here and there with dimes on the eyes walking,
To feed the greed of the belly the brains liberally spooning,
Tickets buying, taking, selling, but in to the feast never once going.
Many sweating, ploughing, thrashing, and then the chaff for payment receiving,
A few idly owning, and they the wheat continually claiming.
This is the city and I am one of the citizens,
Whatever interests the rest interests me, politics, wars, markets, newspapers, schools,
The mayor and councils, banks, tariffs, steamships, factories, stocks, stores, real estate and personal estate.
The little plentiful manikins skipping around in collars and tail’d coats,
I am aware who they are, (they are positively not worms or fleas,)
I acknowledge the duplicates of myself, the weakest and shallowest
is deathless with me,
What I do and say the same waits for them,
Every thought that flounders in me the same flounders in them.
I know perfectly well my own egotism,
Know my omnivorous lines and must not write any less,
And would fetch you whoever you are flush with myself.
Not words of routine this song of mine,
But abruptly to question, to leap beyond yet nearer bring;
This printed and bound book—but the printer and the printing-office boy?
The well-taken photographs—but your wife or friend close and solid in your arms?
The black ship mail’d with iron, her mighty guns in her turrets—but the pluck of the captain and engineers?
In the houses the dishes and fare and furniture—but the host and hostess, and the look out of their eyes?
The sky up there—yet here or next door, or across the way?
The saints and sages in history—but you yourself?
Sermons, creeds, theology—but the fathomless human brain,
And what is reason? and what is love? and what is life?

43.
I do not despise you priests, all time, the world over,
My faith is the greatest of faiths and the least of faiths,
Enclosing worship ancient and modern and all between ancient and modern,
Believing I shall come again upon the earth after five thousand years,
Waiting responses from oracles, honoring the gods, saluting the sun,
Making a fetich of the first rock or stump, powowing with sticks in the circle of obis,
Helping the llama or brahmin as he trims the lamps of the idols,
Dancing yet through the streets in a phallic procession, rapt and austere in the woods a gymnosophist,
Drinking mead from the skull-cup, to Shastas and Vedas admirant, minding the Koran,
Walking the teokallis, spotted with gore from the stone and knife, beating the serpent-skin drum,
Accepting the Gospels, accepting him that was crucified, knowing assuredly that he is divine,
To the mass kneeling or the puritan’s prayer rising, or sitting patiently in a pew,
Ranting and frothing in my insane crisis, or waiting dead-like till my spirit arouses me,
Looking forth on pavement and land, or outside of pavement and land,
Belonging to the winders of the circuit of circuits.
One of that centripetal and centrifugal gang I turn and talk like a man leaving charges before a journey.
Down-hearted doubters dull and excluded,
Frivolous, sullen, moping, angry, affected, dishearten’d, atheistical,
I know every one of you, I know the sea of torment, doubt, despair and unbelief.
How the flukes splash!
How they contort rapid as lightning, with spasms and spouts of blood!
Be at peace bloody flukes of doubters and sullen mopers,
I take my place among you as much as among any,
The past is the push of you, me, all, precisely the same,
And what is yet untried and afterward is for you, me, all, precisely the same.
I do not know what is untried and afterward,
But I know it will in its turn prove sufficient, and cannot fail.
Each who passes is consider’d, each who stops is consider’d, not a single one can it fail.
It cannot fail the young man who died and was buried,
Nor the young woman who died and was put by his side,
Nor the little child that peep’d in at the door, and then drew back and was never seen again,
Nor the old man who has lived without purpose, and feels it with bitterness worse than gall,
Nor him in the poor house tubercled by rum and the bad disorder,
Nor the numberless slaughter’d and wreck’d, nor the brutish koboo call’d the ordure of humanity,
Nor the sacs merely floating with open mouths for food to slip in,
Nor any thing in the earth, or down in the oldest graves of the earth,
Nor any thing in the myriads of spheres, nor the myriads of myriads that inhabit them,
Nor the present, nor the least wisp that is known.

44.
It is time to explain myself—let us stand up.
What is known I strip away,
I launch all men and women forward with me into the Unknown.
The clock indicates the moment—but what does eternity indicate?
We have thus far exhausted trillions of winters and summers,
There are trillions ahead, and trillions ahead of them.
Births have brought us richness and variety,
And other births will bring us richness and variety.
I do not call one greater and one smaller,
That which fills its period and place is equal to any.
Were mankind murderous or jealous upon you, my brother, my sister?
I am sorry for you, they are not murderous or jealous upon me,
All has been gentle with me, I keep no account with lamentation,
(What have I to do with lamentation?)
I am an acme of things accomplish’d, and I an encloser of things to be.
My feet strike an apex of the apices of the stairs,
On every step bunches of ages, and larger bunches between the steps,
All below duly travel’d, and still I mount and mount.
Rise after rise bow the phantoms behind me,
Afar down I see the huge first Nothing, I know I was even there,
I waited unseen and always, and slept through the lethargic mist,
And took my time, and took no hurt from the fetid carbon.
Long I was hugg’d close—long and long.

Immense have been the preparations for me,
Faithful and friendly the arms that have help’d me.
Cycles ferried my cradle, rowing and rowing like cheerful boatmen,
For room to me stars kept aside in their own rings,
They sent influences to look after what was to hold me.
Before I was born out of my mother generations guided me,
My embryo has never been torpid, nothing could overlay it.
For it the nebula cohered to an orb,
The long slow strata piled to rest it on,
Vast vegetables gave it sustenance,
Monstrous sauroids transported it in their mouths and deposited it with care.
All forces have been steadily employ’d to complete and delight me,
Now on this spot I stand with my robust soul.

45.
O span of youth! ever-push’d elasticity!
O manhood, balanced, florid and full.
My lovers suffocate me,
Crowding my lips, thick in the pores of my skin,
Jostling me through streets and public halls, coming naked to me at night,
Crying by day Ahoy! from the rocks of the river, swinging and chirping over my head,
Calling my name from flower-beds, vines, tangled underbrush,
Lighting on every moment of my life,
Bussing my body with soft balsamic busses,
Noiselessly passing handfuls out of their hearts and giving them to be mine.
Old age superbly rising! O welcome, ineffable grace of dying days!
Every condition promulges not only itself, it promulges what grows after and out of itself,
And the dark hush promulges as much as any.
I open my scuttle at night and see the far-sprinkled systems,
And all I see multiplied as high as I can cipher edge but the rim of the farther systems.
Wider and wider they spread, expanding, always expanding,
Outward and outward and forever outward.
My sun has his sun and round him obediently wheels,
He joins with his partners a group of superior circuit,
And greater sets follow, making specks of the greatest inside them.
There is no stoppage and never can be stoppage,
If I, you, and the worlds, and all beneath or upon their surfaces, were this moment reduced back to a pallid float, it would not avail in the long run,
We should surely bring up again where we now stand,
And surely go as much farther, and then farther and farther.
A few quadrillions of eras, a few octillions of cubic leagues, do not hazard the span or make it impatient,
They are but parts, any thing is but a part.
See ever so far, there is limitless space outside of that,
Count ever so much, there is limitless time around that.
My rendezvous is appointed, it is certain,
The Lord will be there and wait till I come on perfect terms,
The great Camerado, the lover true for whom I pine will be there.

46.
I know I have the best of time and space, and was never measured and never will be measured.
I tramp a perpetual journey, (come listen all!)
My signs are a rain-proof coat, good shoes, and a staff cut from the woods,
No friend of mine takes his ease in my chair,
I have no chair, no church, no philosophy,
I lead no man to a dinner-table, library, exchange,
But each man and each woman of you I lead upon a knoll,
My left hand hooking you round the waist,
My right hand pointing to landscapes of continents and the public road.
Not I, not any one else can travel that road for you,
You must travel it for yourself.
It is not far, it is within reach,
Perhaps you have been on it since you were born and did not know,Perhaps it is everywhere on water and on land.
Shoulder your duds dear son, and I will mine, and let us hasten forth,
Wonderful cities and free nations we shall fetch as we go.
If you tire, give me both burdens, and rest the chuff of your hand on my hip,
And in due time you shall repay the same service to me,
For after we start we never lie by again.
This day before dawn I ascended a hill and look’d at the crowded heaven,
And I said to my spirit When we become the enfolders of those orbs, and the pleasure and knowledge of  every thing in them, shall we be fill’d and satisfied then?
And my spirit said No, we but level that lift to pass and continue beyond.
You are also asking me questions and I hear you,
I answer that I cannot answer, you must find out for yourself.
Sit a while dear son,
Here are biscuits to eat and here is milk to drink,
But as soon as you sleep and renew yourself in sweet clothes, I kiss you with a good-by kiss and open the gate for your egress hence.
Long enough have you dream’d contemptible dreams,
Now I wash the gum from your eyes,
You must habit yourself to the dazzle of the light and of every moment of your life.
Long have you timidly waded holding a plank by the shore,
Now I will you to be a bold swimmer,
To jump off in the midst of the sea, rise again, nod to me, shout, and laughingly dash with your hair.

47.
I am the teacher of athletes,
He that by me spreads a wider breast than my own proves the width of my own,
He most honors my style who learns under it to destroy the teacher.
The boy I love, the same becomes a man not through derived power, but in his own right,
Wicked rather than virtuous out of conformity or fear,
Fond of his sweetheart, relishing well his steak,
Unrequited love or a slight cutting him worse than sharp steel cuts,
First-rate to ride, to fight, to hit the bull’s eye, to sail a skiff, to sing a song or play on the banjo,
Preferring scars and the beard and faces pitted with small-pox over all latherers,
And those well-tann’d to those that keep out of the sun.
I teach straying from me, yet who can stray from me?
I follow you whoever you are from the present hour,
My words itch at your ears till you understand them.
I do not say these things for a dollar or to fill up the time while
I wait for a boat,
(It is you talking just as much as myself, I act as the tongue of you,
Tied in your mouth, in mine it begins to be loosen’d.)
I swear I will never again mention love or death inside a house,
And I swear I will never translate myself at all, only to him or her who privately stays with me in the open air.
If you would understand me go to the heights or water-shore,
The nearest gnat is an explanation, and a drop or motion of waves key,
The maul, the oar, the hand-saw, second my words.
No shutter’d room or school can commune with me,
But roughs and little children better than they.
The young mechanic is closest to me, he knows me well,
The woodman that takes his axe and jug with him shall take me with him all day,
The farm-boy ploughing in the field feels good at the sound of my voice,
In vessels that sail my words sail, I go with fishermen and seamen and love them.
The soldier camp’d or upon the march is mine,
On the night ere the pending battle many seek me, and I do not fail them,
On that solemn night (it may be their last) those that know me seek me.
My face rubs to the hunter’s face when he lies down alone in his blanket,
The driver thinking of me does not mind the jolt of his wagon,
The young mother and old mother comprehend me,
The girl and the wife rest the needle a moment and forget where they are,
They and all would resume what I have told them.

48.
I have said that the soul is not more than the body,
And I have said that the body is not more than the soul,
And nothing, not God, is greater to one than one’s self is,
And whoever walks a furlong without sympathy walks to his own funeral drest in his shroud,
And I or you pocketless of a dime may purchase the pick of the earth,
And to glance with an eye or show a bean in its pod confounds the learning of all times,
And there is no trade or employment but the young man following it may become a hero,
And there is no object so soft but it makes a hub for the wheel’d universe,
And I say to any man or woman, Let your soul stand cool and composed before a million universes.
And I say to mankind, Be not curious about God,
For I who am curious about each am not curious about God,
(No array of terms can say how much I am at peace about God and about death.)
I hear and behold God in every object, yet understand God not in the least,
Nor do I understand who there can be more wonderful than myself.
Why should I wish to see God better than this day?
I see something of God each hour of the twenty-four, and each moment then,
In the faces of men and women I see God, and in my own face in the glass,
I find letters from God dropt in the street, and every one is sign’d by God’s name,
And I leave them where they are, for I know that wheresoe’er I go,
Others will punctually come for ever and ever.

49.
And as to you Death, and you bitter hug of mortality, it is idle to try to alarm me.
To his work without flinching the accoucheur comes,
I see the elder-hand pressing receiving supporting,
I recline by the sills of the exquisite flexible doors,
And mark the outlet, and mark the relief and escape.
And as to you Corpse I think you are good manure, but that does not offend me,
I smell the white roses sweet-scented and growing,
I reach to the leafy lips, I reach to the polish’d breasts of melons.
And as to you Life I reckon you are the leavings of many deaths,
(No doubt I have died myself ten thousand times before.)
I hear you whispering there O stars of heaven,
O suns—O grass of graves—O perpetual transfers and promotions,
If you do not say any thing how can I say any thing?
Of the turbid pool that lies in the autumn forest,
Of the moon that descends the steeps of the soughing twilight,
Toss, sparkles of day and dusk—toss on the black stems that decay
in the muck,
Toss to the moaning gibberish of the dry limbs.
I ascend from the moon, I ascend from the night,
I perceive that the ghastly glimmer is noonday sunbeams reflected,
And debouch to the steady and central from the offspring great or small.

50.
There is that in me—I do not know what it is—but I know it is in me.
Wrench’d and sweaty—calm and cool then my body becomes,
I sleep—I sleep long.
I do not know it—it is without name—it is a word unsaid,
It is not in any dictionary, utterance, symbol.
Something it swings on more than the earth I swing on,
To it the creation is the friend whose embracing awakes me.
Perhaps I might tell more. Outlines! I plead for my brothers and sisters.
Do you see O my brothers and sisters?
It is not chaos or death—it is form, union, plan—it is eternal life—it is Happiness.

51.
The past and present wilt—I have fill’d them, emptied them.
And proceed to fill my next fold of the future.
Listener up there! what have you to confide to me?
Look in my face while I snuff the sidle of evening,
(Talk honestly, no one else hears you, and I stay only a minute longer.)
Do I contradict myself?
Very well then I contradict myself,
(I am large, I contain multitudes.)
I concentrate toward them that are nigh, I wait on the door-slab.

Who has done his day’s work? who will soonest be through with his supper?Who wishes to walk with me?
Will you speak before I am gone? will you prove already too late?

52.
The spotted hawk swoops by and accuses me, he complains of my gab and my loitering.
I too am not a bit tamed, I too am untranslatable,
I sound my barbaric yawp over the roofs of the world.
The last scud of day holds back for me,
It flings my likeness after the rest and true as any on the shadow’d wilds,
It coaxes me to the vapor and the dusk.
I depart as air, I shake my white locks at the runaway sun,
I effuse my flesh in eddies, and drift it in lacy jags.
I bequeath myself to the dirt to grow from the grass I love,
If you want me again look for me under your boot-soles.
You will hardly know who I am or what I mean,
But I shall be good health to you nevertheless,
And filter and fibre your blood.
Failing to fetch me at first keep encouraged,
Missing me one place search another,
I stop somewhere waiting for you.

{Walt Whitman — Song of Myself}

Traduzione italiana

Canto di me stesso

1.
Canto me stesso, e celebro me stesso,
E ciò che io assumo voi lo dovete assumere
Perché ogni atomo che mi appartiene appartiene anche a voi.
Io ozio, ed esorto la mia anima,
Mi chino e indugio ad osservare un filo d’erba estivo.
La mia lingua, ogni atomo di sangue, fatti da questo suolo, da quest’aria,
Nato qui da genitori nati qui e così i loro padri e così i padri dei padri,
lo, ora, trentasettenne in perfetta salute, ora incomincio,
E spero di non cessare che alla morte.
Credi e scuole in sospeso,
Un po’ discosto, sazio di ciò che essi sono, ma mai dimenticandoli,
Accolgo la natura nel bene e nel male, lascio che parli a caso,
Senza controllo, con l’energia originale.

2.
Case e stanze sono piene di profumi, gli scaffali affollati di profumi,
Respiro la fragranza, la riconosco e mi piace,
Il distillato potrebbe ubriacare anche me, ma non lo permetto.
L’atmosfera non è un profumo, non ha il gusto del distillato, è inodore,
È fatta per la mia bocca, in eterno, ne sono innamorato,
Andrò sul pendio presso il bosco, sarò senza maschera e nudo,
Mi struggo dalla voglia di sentirne il contatto.
Il fumo del mio fiato,
Echi, gorgoglii, diffusi bisbigli, radice d’amore, filamento di seta, inforcatura e viticcio,
Il mio inspirare ed espirare, il pulsare del cuore, il transitare dell’aria e del sangue attraverso i  polmoni,
Il sentore delle foglie verdi e delle foglie secche, della spiaggia e degli scogli neri, del fieno nel fienile,
Il suono delle parole eruttate della mia voce abbandonata ai vortici del vento,
Pochi rapidi baci, pochi abbracci, un tendere a cerchio di braccia,
Il gioco delle ombre e dei riflessi all’oscillare dei rami flessuosi,
Il godimento da soli o tra la folla nelle strade, o lungo i campi o sui fianchi d’una collina,
La sensazione di salute, il vibrare del pieno mezzogiorno,
il canto di me che mi alzo dal letto e vado incontro al sole.
Hai creduto che mille acri fossero molti? che tutta la terra fosse molto?
Ti sei esercitato così a lungo per imparare a leggere?
Tanto orgoglio hai sentito perché afferravi il senso dei poemi?
Fermati con me oggi e questa notte, e ti impadronirai dell’origine di tutti i poemi,
Ti impadronirai dei beni della terra e del sole (ci sono ancora milioni di soli),
Non prenderai più le cose di seconda o terza mano, né guarderai con gli occhi dei morti, ne ti  nutrirai di fantasmi libreschi,
E neppure vedrai attraverso i miei occhi o prenderai le cose da me,
Ascolterai da ogni parte e le filtrerai da te stesso.

3.
Ho udito ciò che i parlatori dicevano, il discorso del principio e della fine,
Ma io non parlo del principio o della fine.
Non ci fu mai più inizio di quanto ce n’è ora,
Ne più gioventù o vecchiaia di quanta ce n’è ora,
Ne vi sarà più perfezione di quanta ce n’è ora,
Ne più cielo o più inferno di quanto ce n’è ora.
Urgere, urgere, urgere,
Sempre l’urgere procreante del mondo.
Dalla confusa oscurità gli opposti eguali avanzano, sempre sostanza e accrescimento, e sesso,
E intrecciarsi di identità, e sempre distinzione, sempre riproduzione.
Elaborare è inutile, dotti e non dotti sentono che è così.
Sicuri come ciò che è più sicuro, i muri a piombo, ben connessi, la travatura rinforzata,
Forti come un cavallo, affezionati, tracotanti, elettrici,
Io e questo mistero qui ci ergiamo.
Limpida e dolce è la mia anima, e limpido e dolce è tutto quello che non è la mia anima.
Se manca uno, mancano entrambi, e il non veduto è provato dal veduto,
Finché questo non diventi invisibile e debba a sua volta esser provato.
Ogni età tormenta l’altra mostrando il meglio e separandolo dal peggio,
Conoscendo la perfetta giustezza e imparzialità delle cose, mentre quelle discutono sto zitto, e vado a fare il bagno e ad ammirare me stesso.
Benvenuto ogni mio organo e attributo, e quelli di ogni uomo onesto e vigoroso,
Non un pollice è da scartare o frazione di pollice, e niente dev’essere meno familiare del resto.
lo sono pago: io vedo, ballo, rido e canto;
E se l’amato compagno di letto che dorme abbracciato al mio fianco, allo spuntare del giorno si ritira con passo furtivo,
Lasciandomi cesti di bianchi asciugamani che mi riempiono la casa con la loro abbondanza,
Dovrò posporre la mia accettazione e comprensione e gridare ai miei occhi
Che si astengano dopo dal guardare giù per la strada,
E mi mostrino sùbito, calcolato al centesimo,
L ‘esatto valore di uno e l’esatto valore di due, e chi è in vantaggio?

4.
La gente che passa e che m’interroga,
Le persone che incontro, gli effetti su di me dei miei primi anni o del quartiere, della città, della nazione in cui vivo,
Gli avvenimenti recenti, le scoperte, le invenzioni, le società, gli autori vecchi e nuovi,
Il mio pranzo, gli abiti, i compagni, il bell’aspetto, i complimenti, i doveri,
L’indifferenza reale o immaginaria di qualcuno che amo,
La malattia d’uno dei miei o mia, le malefatte, la perdita o la penuria di danaro, le depressioni o l’euforia,
Le battaglie, gli orrori della guerra fratricida., la febbre delle dubbie notizie, lo spasmo degli avvenimenti,
Tutto questo mi arriva giorno e notte, e se ne va,
Ma non è questo il mio Io.
Separato da ciò che attira e trascina sta quello che io sono,
Se ne sta divertito, compiacente, compassionevole, inattivo, unitario,
Guarda dall’alto, è eretto, o appoggia un braccio a un impalpabile sicuro sostegno,
Con la testa piegata di Iato, curioso di ciò che verrà dopo,
Dentro e fuori del gioco, osservandolo e meravigliandosi.
Ripenso ai giorni passati quando mi affaticavo nella nebbia con linguisti e dialettici,
Non ho battute o argomenti, io sono testimone e attendo.

5.
Io credo in te anima mia, e l’altro che io sono non deve umiliarsi davanti a te,
Né tu davanti a lui.
Ozia con me sopra l’erba, rimuovi il groppo dalla gola,
Io non chiedo parole, né musica, né rime, né conferenze o patrocini, sia pure i migliori,
Solo la nenia mi appaga, il mormorio della tua voce a bocca chiusa.
Rammento come una volta in un simile limpido mattino d’estate noi due giacevamo,
E tu posavi il capo di traverso sui miei fianchi e ti volgevi a me con tenerezza,
E aperta la camicia sullo sterno, affondasti la lingua dentro al mio cuore nudo,
E ti stendesti fino a sentire la mia barba, e ti stendesti fino a trattenermi i piedi.
Rapidamente sorse e si diffuse intorno a me quella pace e quella conoscenza che  oltrepassano ogni disputa terrestre,
E ora so che la mano di Dio è la promessa della mia,
So che lo spirito di Dio è il fratello del mio spirito,
Che tutti gli uomini nati sono anche fratelli miei, e le donne sorelle ed amanti,
E che la controchiglia della creazione è l’amore,
E che sono infinite le foglie dritte o recline nei campi,
E le brune formiche nei piccoli pozzi sotto di loro,
E le croste di muschio del recinto serpeggiante, i mucchi di sassi, il sambuco, la fitolacca, il verbasco.

6.
Che cos’è l’erba?  chiese un bambino, portandomene a piene mani;
Come potevo rispondergli? Non so meglio di lui che cosa sia.
Suppongo che sia lo stendardo della mia vocazione, fatto col verde tessuto della speranza.
O forse è il fazzoletto del Signore,
Un ricordo profumato lasciato cadere di proposito,
Con la cifra del proprietario in un angolo sicché possiamo vederla e domandarci Di chi  può essere?
O forse l’erba stessa è un bambino, il bimbo generato dalla vegetazione.
O un geroglifico uniforme
Che voglia dire, crescendo tanto in ampi spazi che in strette fasce di terra,
Fra bianchi e gente di colore,
Canachi, Virginiani, Membri del Congresso, gente comune, io do loro la stessa cosa e li accolgo nello stesso modo.
E ora mi appare come la bella capigliatura delle tombe.
Ti userò con gentilezza, erba ricciuta,
Forse traspiri dal petto di giovani uomini,
Che avrei potuto amare, se li avessi conosciuti,
Forse provieni da vecchi, o da figli ghermiti appena fuori dai ventri materni,
Ed ecco, sei tu il ventre materno.
Quest’erba è troppo scura per uscire dal bianco capo delle nonne,
Più scura della barba scolorita dei vecchi,
È scura per spuntare dal roseo palato delle bocche.
Oh nonostante tutto io sento il parlottio di tante lingue,
E comprendo che non esce dalle bocche per nulla.
Vorrei poter tradurre gli accenni ai giovani morti, alle fanciulle,
Gli accenni ai vecchi e alle madri, ai rampolli ghermiti ai loro ventri.
Che cosa pensate sia avvenuto dei giovani e dei vecchi?
E che cosa pensate sia avvenuto delle madri e dei figli?
Vivono e stanno bene in qualche luogo,
Il più minuscolo germoglio ci dimostra che in realtà non vi è morte,
E che se mai c’è stata conduceva alla vita, e non aspetta il termine per arrestarla,
E che cessò nell’istante in cui la vita apparve.
Tutto continua e tutto si estende, niente si annienta,
E il morire è diverso da ciò che tutti suppongono, e ben più fortunato.

7.
Qualcuno ha mai ritenuto che il nascere sia una fortuna?
Mi affretto ad informarlo che è una fortuna esattamente quanto il morire, e io lo so.
Io valico la morte con il moribondo, la nascita con il bimbo appena lavato, e non sono tutto contenuto tra cappello e stivali,
E scruto multipli oggetti, non due che siano uguali, e tutti buoni,
Buona la terra, buone le stelle, buoni i loro annessi.
Io non sono una terra né l’appendice d’una terra,
Sono il compagno e l’amico della gente, che è insondabile e immortale quanto me,
(Non sa quanto immortale, ma lo so io).
Ogni specie per sé e per ciò che è suo; per me il mio è maschio e femmina,
Sono quelli che furono ragazzi e che amano le donne,
Per me è l’uomo orgoglioso che sente quanto punga l’altrui indifferenza,
Per me è la ragazza innamorata e la vecchia zitella, sono le madri e le madri delle madri,
Per me è la bocca che ha sorriso, gli occhi che hanno lacrimato,
Sono i bambini e i genitori dei bambini.
Toglietevi i drappi! non siete colpevoli ai miei occhi, né vecchiume né scarti,
Se lo siete o non lo siete lo vedo anche attraverso il panno e il percalle,
E vado in giro, avido, tenace, instancabile, e non mi lascio scrollare via.

8.
Il piccolo dorme nella culla,
Sollevo il velo e guardo a lungo, e con la mano silenziosamente allontano le mosche.
Il giovanotto e la ragazza accesa in volto girano verso i cespugli sulla collina,
lo li vedo dall’alto e di nascosto li osservo.
Il suicida è disteso sul pavimento insanguinato della stanza da letto;
Io osservo il cadavere, i capelli bagnati, noto dove è caduta la pistola.
Il brusio della strada, i cerchioni dei carri, le croste di fango delle suole,
i discorsi di chi passeggia,
I pesanti omnibus, il conducente che interroga col pollice, lo scalpitare dei ferri dei cavalli sul selciato di granito,
Le slitte, tintinnanti, grida scherzose, lanci di palle di neve,
Le acclamazioni ai beniamini del momento, la furia della plebaglia indignata,
Lo sbattere delle tende d’una lettiga che porta all’ospedale un malato,
L’incontro di nemici, le imprecazioni immediate, i colpi e il tonfo,
La folla eccitata, il poliziotto con la stella che s’apre rapido un passaggio tra la folla,
Le pietre impassibili che ricevono e respingono tanti echi,
I gemiti del malnutrito e dell’obeso che un colpo di sole o l’apoplessia fa cadere,
Lo spasimare di donne sorprese dalle doglie che s’affrettano a casa e partoriscono,
Quante parole vive e sepolte, che ancora vibrano qui, quante urla soffocate dal decoro,
Arresti di criminali, commenti offensivi, profferte adultere avanzate, accettate, respinte con labbra convesse,
Io bado a tutto questo, allo spettacolo o all’eco di tutto questo: io arrivo e parto.

9.
La grande porta del fienile è spalancata,
L’erba secca falciata colma il carro che avanza lentamente,
La luce chiara scherza sul grigio bruno e il verde stinto,
Le bracciate si ammassano sul mucchio che s’affloscia.
Io sono lì, dò una mano, allungandomi arrivo in cima al carico,
Ne avverto le scosse smorzate, una gamba stesa sull’altra,
Salto dalle traverse e afferro la codolina e il trifoglio,
Faccio capriole, mi arruffo i capelli pieni di festuche.

10.
Lontano, in posti deserti e su montagne vado a caccia solitario,
Vago qua e là e mi stupisco della mia agilità e dell’umore allegro,
E verso sera scelgo un posto sicuro per passare la notte,
Accendo un fuoco e vi arrostisco la selvaggina appena uccisa,
E mi addormento sulle foglie ammacchiate con accanto il cane e il fucile.
Il clipper yankee inalbera i velacci, manda spruzzi e scintille,
I miei occhi toccano terra, mi affaccio dalla prua, grido di gioia dal ponte.
I battellieri e i pescatori di molluschi si alzarono presto e mi attesero,
Infilai gli orli dei calzoni negli stivali e li seguii e ci divertimmo,
Avreste dovuto esserci quel giorno intorno alla zuppa di vongole.
Ho veduto le nozze d’un cacciatore di pellicce nel Far West, all’aria aperta, la sposa era  un’indiana,
Suo padre e gli amici sedevano a gambe incrociate fumando in silenzio,
portavano mocassini ai piedi e pesanti coperte coprivano le loro spalle;
Sopra un rialzo ciondolava lo sposo, quasi tutto coperto di pelli, la barba rigogliosa e i riccioli nascondevano il collo, teneva per mano la donna.
Aveva lunghe ciglia, la testa nuda, i capelli ruvidi e lisci le scendevano sul corpo voluttuoso fino ai piedi.
Lo schiavo fuggitivo si avvicinò alla mia casa e si fermò all’esterno, lo sentivo muoversi  facendo scricchiolare i ramoscelli della catasta della legna,
Dalla semiporta di cucina lo scorsi esausto e malfermo,
Mi accostai, era seduto su un ciocco, lo rassicurai e lo feci entrare,
Portai dell’acqua e ne colmai una tinozza per quel corpo sudato e quei piedi martoriati,
E gli diedi una stanza a cui si accedeva dalla mia, e gli diedi degli abiti puliti,
Rammento ancora perfettamente come roteava gli occhi e il suo imbarazzo,
Gli applicai qualche impiastro sulle vesciche del collo e alle caviglie;
Stette con me una settimana prima di riprendere le forze per proseguire verso il nord,
A tavola, sedeva accanto a me, il mio fucile appoggiato in un angolo.

11.
Ventotto giovani fanno il bagno lungo la spiaggia,
Ventotto giovani e tutti così amabili;
Ventotto anni di vita femminile e così solitaria.
È sua quella bella casa sul rialto della riva,
E dietro le persiane si nasconde, ben fatta, riccamente vestita.
Quale dei giovani le piace di più?
Ahi, il meno avvenente è già bello per lei.
Dove vai, mia signora? lo ti vedo,
Sguazzi nell’acqua, anche se te ne stai lì ferma nella stanza.
Ballando e ridendo arrivò sulla spiaggia, la ventinovesima bagnante,
Ma gli altri non la videro, lei li vide e li amò.
Le barbe dei giovani luccicavano d’acqua, scorreva dai loro lunghi capelli,
E a rivoli passava lungo i corpi.
Anche una mano invisibile passò sui loro corpi,
E discese tremante lungo le tempie e i fianchi.
I giovani nuotano sul dorso, i bianchi ventri sporgono al sole, e non si chiedono chi si aggrappa a loro,
Ignorano chi ansima e si piega come un arco che sporge e s’incurva,
Non pensano a chi bagnano di spruzzi.

12.
Il garzone del macellaio si toglie il grembiale insanguinato, o affila il suo coltello sul banco del mercato,
lo mi attardo e mi godo le sue battute e il suo balletto di striscio e di tacco.
Fabbri dal petto sudicio e peloso circondano l’incudine,
Ciascuno ha la sua mazza, sono tutti a distanza, c’è gran calore nella forgia.
Dalla soglia coperta di cenere, io seguo i loro movimenti,
L’agile arcata della cintola s’accorda al moto delle braccia poderose,
Le mazze oscillano, le braccia le fanno roteare al di sopra delle spalle, così lente e così  sicure,
Non hanno fretta, ciascuno colpisce il punto giusto.

13.
Il negro regge saldamente le redini dei suoi quattro cavalli, il blocco oscilla, al di sotto, tenuto da catene,
Il negro che guida il lungo traino della cava di pietre se ne sta alto e saldo su una gamba sulla sbarra traversa,
L’azzurra camicia fa risaltare il collo e l’ampio petto e scende libera sui fianchi,
Il suo sguardo è calmo e autorevole, scosta la tesa del cappello dalla fronte,
Il sole cade sui capelli crespi e sui baffi, sul nero delle membra lucide e perfette.
Osservo quel gigante pittoresco e lo amo, ma non mi fermo,
Vado anche io col traino.
Io sono uno che accarezza la vita ovunque vada, che volga indietro o in avanti,
Mi chino sulle nicchie appartate e i subalterni, non mi perdo nessun oggetto o persona,
Tutto assorbendo in me e per questo mio canto.
O buoi, che fate tinnire il giogo e le catene, o v’attardate, in un’ombra di foglie, che mai  esprimete con i vostri occhi?
Mi pare valga assi più d’ogni pagina a stampa, che abbia mai letto in vita mia.
Nel mio vagare tutto il giorno, il mio passo talvolta spaventa l’anatra sposa e il suo maschio,
S’alzano insieme e lentamente volano in cerchio.
Io credo in queste alate intenzioni,
E riconosco che il rosso, il giallo e il bianco agiscono dentro di me,
E ho idea che il verde e il viola e la cresta piumata siano intenzionali,
E non definisco la tartaruga indegna perché non è qualcos’altro,
E la ghiandaia nei boschi non ha studiato le scale, eppure per me sa far bene i suoi trilli,
E l’aspetto della puledra baia svergogna la mia scempiaggine.

14.
Il maschio dell’oca selvatica guida lo stormo nella fresca sera,
E grida ya-honk; e giù mi arriva come un invito;
Il furbo può ritenerlo privo di senso, ma tendendo l’orecchio
Ne scopro il fine e lo situo in alto nel cielo invernale.
L’alce del nord dallo zoccolo affilato, il gatto sulla soglia della casa, la cincia bigia, il cane della prateria,
I maialini che tirano le mammelle della scrofa che grugnisce,
La tacchina con le ali semiaperte e i suoi pulcini,
In loro e in me scorgo la stessa antica legge.
La pressione del mio piede sulla terra sprigiona mille affetti
Che sbeffeggiano i miei sforzi per descriverli.
Io sono innamorato della vita all’aperto,
Degli uomini in mezzo al bestiame o che sanno di boschi o d’oceano,
Dei costruttori di navi, dei piloti, di chi maneggia l’ascia e la mazza, di chi guida i cavalli,
Potrei mangiare e dormire con loro per settimane e settimane.
Il più comune, il più a buon mercato, il più a portata di mano, il più semplice, questo sono io,
lo che corro i miei rischi spendendo per molto guadagnare,
Che mi agghindo per darmi al primo che mi voglia,
Senza chiedere che venga giù il cielo per la mia buona volontà,
Spargendola sempre, liberamente.

15.
Il puro contralto canta nel palco dell’organo,
Il carpentiere leviga la tavola, il ferro della pialla risalendo manda un aspro fruscìo,
I figli, sposati e non sposati, vanno a pranzo dai genitori il giorno del Ringraziamento,
li pilota afferra il manubrio e ala con braccio gagliardo,
Il secondo sta in piedi sulla baleniera, lancia ed arpione sono pronti,
Il cacciatore d’anatre cammina guardingo con lunghi passi silenziosi,
I diaconi vengono ordinati, le braccia in croce, all’altare,
La filatrice indietreggia ed avanza al ronzio della grande ruota,
L’agricoltore fa il suo giretto domenicale, si ferma davanti allo steccato e osserva l’avena e la segale,
Il pazzo – un caso accertato – viene portato al manicomio
(Non dormirà più nel lettino nella stanza di sua madre);
Il tipografo dal capo grigio e dal volto incavato lavora al bancone,
Mastica il suo tabacco mentre gli occhi gli si annebbiano sul manoscritto;
Membra malformate sono legate alla tavola operatoria,
Ciò che è rimosso cade orribilmente in un secchio;
La giovane mulatta viene venduta all’asta, l’ubriacone sonnecchia presso la stufa della bettola,
Il macchinista si rimbocca le maniche, il poliziotto fa il giro di ronda,
il guardiano segna i pedaggi,
Il giovanotto guida il furgone (lo amo, anche se non lo conosco);
Il mezzo-sangue allaccia gli stivaletti per gareggiare nella corsa,
Nell’Ovest la caccia al tacchino attira giovani e vecchi, chi s’appoggia al fucile, chi siede su un tronco,
Il tiratore scelto sbuca dalla folla, si mette in posizione punta il pezzo;
I nuovi immigranti coprono il molo o la banchina,
Le teste lanose sarchiano i campi di canne da zucchero, il sorvegliante li osserva dall’alto della sella,
La tromba squilla nella sala da ballo, gli uomini cercano le dame,
i ballerini si fanno un inchino,
Il giovane giace sveglio nella soffitta dal tetto di cedro e ascolta la pioggia melodiosa,
I Wolverini collocano trappole sul torrente che sbocca nello Huron,
La squaw ravvolta nel panno orlato di giallo vende borsette di perline e mocassini,
L’intenditore scruta i quadri della mostra con occhi socchiusi, di traverso,
I marinai assicurano la nave, la passerella è calata per i passeggeri che sbarcano,
La ragazza tiene alta la matassa, la sorella più anziana ne dipana un gomitolo, e ogni tanto si ferma per un nodo,
La sposa d’un anno si sta rimettendo ed è felice che da sette giorni ha avuto il primo figlio;
La giovane yankee dai lindi capelli cuce a macchina o lavora in fabbrica o in filanda,
Il selciaio s’appoggia al mazzapicchio, la matita del reporter scorre rapida sul taccuino, il pittore d’insegne dipinge lettere blu e oro,
Il bardotto trotta sull’alzaia, il contabile fa i conti allo scrittoio,
il calzolaio incera lo spago,
Il direttore segna il tempo alla banda e tutti i suonatori lo seguono,
Il bambino è battezzato, il convertito fa la sua professione di fede,
La regata si spande nella baia, la gara è cominciata (come sfavillano le bianche vele!),
Il mandriano vocia alle bestie che stanno per sbrancare,
Il venditore ambulante suda con il sacco sulle spalle (l’acquirente tira il centesimo),
La sposa stira l’abito bianco, la lancetta dei minuti si muove lentamente,
L’oppiomane si sdraia, la testa rigida, le labbra semiaperte,
La prostituta strascina lo scialle, la cuffia le penzola sul collo alticcio e foruncoloso,
La folla ride alle sue bestemmie scurrili, gli uomini la sbeffeggiano e ammiccano fra loro,
(Infelice! io non ti schernisco, le tue bestemmie non mi fanno ridere);
Il Presidente è in seduta di Consiglio, circondato dai Ministri,
Tre maestose matrone passeggiano nella piazza amichevolmente allacciate,
L’equipaggio del peschereccio ammassa strati di halibut nella stiva,
L’abitante del Missouri attraversa le pianure trasportando merci e bestiame,
Il bigliettaio percorre il treno preannunciato dal tintinnio degli spiccioli,
I pavimentisti posano le piastrelle, i lattonieri rivestono il tetto, i muratori chiedono la malta,
In fila, cofana in spalla, passano i manovali;
Le stagioni si succedono, è il quattro del Settimo-mese, una folla indescrivibile è riunita (che salve di cannoni e moschetti!),
Le stagioni si succedono, l’aratore ara, il mietitore miete, il grano invernale è seminato;
Lontano sui laghi il pescatore di lucci vigila presso un foro praticato nel ghiaccio,
I ceppi s’ergono fitti attorno alla radura, il pioniere picchia forte con l’ascia,
Gli uomini delle chiatte ormeggiano al crepuscolo presso i pioppi o i pecàn,
I cacciatori di procioni attraversano le regioni del Red River, o quelle dell’Arkansas, o  quelle prosciugate presso il Tennessee,
Le torce brillano nel buio che incombe sul Chattahoochee o sull’Altamahaw,
I patriarchi siedono a cena circondati da figli, nipoti e pronipoti,
Tra pareti di adobe, sotto tende di tela, cacciatori e lacciolai riposano dopo la fatica del giorno,
La città dorme, la campagna dorme,
I vivi dormono il loro tempo, i morti dormono il tempo loro,
Il vecchio marito dorme accanto alla moglie, il giovane sposo dorme accanto alla sua;
E tutti convergono verso di me, e io mi espando verso di loro,
E quale sia il loro essere; più o meno così sono io,
E di tutti, dal primo all’ultimo, io intesso il canto del me stesso.

16.
Io sono dei giovani e dei vecchi, degli stolti e dei saggi,
Incurante degli altri, riguardoso di tutti,
Materno quanto paterno, bambino quanto adulto,
Imbottito di volgarità, ripieno di delicatezza,
Uno della Nazione di molte nazioni, delle più piccole e delle più grandi,
Tanto meridionale quanto del settentrione, un piantatore indifferente e ospitale lungo l’Oconee dove vivo,
Uno Yankee che segue la sua strada pronto al commercio, le mie giunture le più sciolte e  le più salde sulla terra,
Un Kentuckiano che percorre la valle dell’Elkhorn coi miei gambali di pelle di daino, un Georgiano, uno della Louisiana,
Un battelliere sui laghi o le baie o lungo le coste, un Hoosier, un Badger, un Buckeye;
A mio agio con le racchette da neve canadesi, o nel fitto dei boschi, o fra i pescatori di Terranova,
A mio agio nella flotta delle navi rompighiaccio, veleggiando e bordeggiando con le altre,
A mio agio sulle colline del Vermont, o nelle foreste del Maine, o nei ranches del Texas,
Compagno dei Californiani, compagno dei liberi abitanti del Nord Ovest (amo le loro  ampie proporzioni),
Compagno degli zatterieri, dei carbonai, compagno di chi ti stringe la mano e t’invita a bere e a mangiare,
Scolaro con i più semplici, maestro ai più pensosi,
Un novizio agli inizi ma esperto di migliaia di stagioni,
D’ogni casta e colore sono io, d’ogni rango e religione,
Agricoltore, meccanico, artista, gentiluomo, quacchero, marinaio,
Prigioniero, teppista, protettore, medico, avvocato, sacerdote.
A ogni cosa resisto molto meglio che alla mia diversità,
Respiro l’aria ma ne lascio in abbondanza,
E non incedo impettito, e sto al mio posto.
(La tarma e le uova di pesce stanno al loro posto,
I soli luminosi che vedo e i soli oscuri che non posso vedere stanno al loro posto,
Il palpabile è al suo posto e l’impalpabile è al suo posto).

17.
Questi, in realtà, sono pensieri d’ogni uomo in ogni epoca e luogo, non nascono con me,
Se non son vostri quanto miei non sono niente, o quasi niente,
Se non sono l’enigma e la sua soluzione non sono niente,
Se non vi sono vicini quanto sono distanti non sono niente.
Questa è l’erba che cresce dovunque sia l’acqua e la terra,
Questa è l’aria comune che bagna il globo.

18.
Con forte musica io vengo, con le mie trombe e i miei tamburi,
E non eseguo marce solo per i vincitori, eseguo marce per gli sconfitti e gli uccisi.
Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie?
Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte.
Io batto i tamburi per i morti,
Per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia.
Gloria a quelli che sono caduti!
A quelli che persero in mare le navi di guerra!
A quelli che scomparvero in mare!
A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti!
A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

19.
Questo è il pasto equamente servito, questo il cibo per la fame naturale,
È per il giusto quanto per il perverso, con tutti ho preso appuntamento,
Non tollero che una sola persona sia trascurata o esclusa,
La mantenuta, il parassita, il ladro, sono dunque invitati,
Lo schiavo dai labbroni è invitato, il venereo è invitato,
Non vi sarà differenza tra loro e gli altri.
Questa è la pressione d’una timida mano, questo l’odore e il fluttuare di capelli,
Questo il tocco delle mie labbra sulle vostre, questo il mormorio del desiderio,
Questa la remota profondità e l’altezza che riflettono il mio volto,
Questo il fondersi meditato di me stesso, e il susseguente sbocco.
Supponete che io segua un intricato proposito?
Ebbene, sì, lo seguo, come fanno le piogge del Quarto Mese, e la mica sul fianco d’una roccia.
Date per certo che io voglia stupire?
Stupisce la luce del giorno? o il codirosso mattiniero cinguettante nei boschi?
Stupisco io più che loro?
In questo momento dico cose in confidenza
Che non direi a chiunque, ma voglio dire a voi.

20.
Chi mai va là? affamato, brutale, mistico, nudo;
Come faccio a estrar forza dal manzo che mangio?
Che cos’è l’uomo, insomma? Che cosa sono io? Che cosa sei tu?

Tutto ciò che contrassegno come mio tu devi controbilanciarlo con ciò che è tuo,
Altrimenti prestarmi ascolto sarebbe tempo perduto.
Io non piagnucolo come quelli che piagnucolano su tutto il mondo,
Perché i mesi sono vani, la terra null’altro che fango e sozzura.
Gemiti e scoramenti mischiateli con le polverine per i malati, il conformismo passi in quarta fila,
Io porto il cappello come mi piace, in casa e fuori di casa.
Perché dovrei pregare? perché venerare e fare tante cerimonie?

Dopo aver nell’analisi spaccato un capello in quattro, dopo essermi consultato con  dottori e  aver calcolato rigorosamente,
Non trovo grasso che mi sia più caro di quello che aderisce alle mie ossa.
In ogni persona ritrovo me stesso, non uno che mi superi, non uno che valga un chicco d’orzo di meno,
E il bene e il male che dico di me lo dico pure di loro.
Io so che sono valido e sano,
Verso me i convergenti oggetti dell’universo perpetuamente fluiscono,
Tutti recano scritte per me, e io devo decifrare il senso di queste scritte.
Io so che sono immortale,
So che quest’orbita mia non può venir misurata dal compasso del falegname,
So che non dileguerò come l’ardente cerchio che nella notte un bambino traccia con un tizzone acceso.
Io so d’essere augusto,
Non mi tormento lo spirito perché rivendichi i meriti suoi e si faccia capire,
Vedo che le leggi elementari non chiedono mai scusa,
(Ritengo dopo tutto di non comportarmi con orgoglio maggiore della livella, con l’aiuto  della quale edifico la mia casa.)
Esisto come sono, e tanto mi basta,
Se nessuno nel mondo lo sa me ne resto tranquillo,
Se ognuno e tutti lo sanno me ne resto tranquillo.
Un mondo almeno lo sa e di gran lungi il più vasto per me, è cioè il mio io,
E sia che oggi consegua tutto quanto mi spetta, o debba attendere dieci mila anni o dieci milioni di anni,
Posso accettarlo adesso con letizia, e con uguale letizia posso aspettarlo.
La presa del mio piede è calettata a incastro nel granito,
Me ne rido di ciò che voi chiamate dissoluzione,
Io conosco l’eternità del tempo.

21.
Io sono il poeta del Corpo, io sono il poeta dell’Anima, i piaceri del cielo sono con me e le sofferenze dell’inferno sono con me,
i primi li innesto e li faccio crescere su me stesso, questi ultimi li traduco in una nuova lingua.
Io sono il poeta della donna come dell’uomo,
E dico che è grande essere donna come essere uomo,
E dico che non c’è niente di più grande che la madre degli uomini.
Io canto la canzone dell’espansione e dell’orgoglio,
Abbiamo avuto abbastanza inchini e deprecazioni,
Io mostro che la grandezza è soltanto sviluppo.
Hai superato tutti gli altri? sei il Presidente?
È una sciocchezza, si arriverà anche più in là, si andrà oltre.
Io sono colui che cammina con la tenera notte che cresce,
Io chiamo la terra ed il mare per metà occupati dalla notte.
Fatti più vicina, o notte dai seni denudati, fatti più vicina magnetica notte che nutri!
Notte dei venti del sud – notte di poche larghe stelle!
Calma notte chinata – folle e nuda notte d’estate.
Sorridi voluttuosa terra dal fresco respiro!
Terra di dormienti, liquidi alberi!
Terra del tramonto andato – terra delle montagne dalle vette di nebbia!
Terra del vitreo scorrere della luna piena tinta di blu!
Terra dello splendore e dell’oscurità che screziano l’acqua del fiume!
Terra del limpido grigio di nuvole più vivide e più chiare per amor mio!
Terra che si stende lontano a gomito – terra ricca di meli in fiore!
Sorridi, il tuo amante arriva.
Prodiga, tu mi hai dato amore – perciò io a te do amore!
Oh indicibile, appassionato amore.
Grande forza motrice che mi stringe forte, e che io stringo forte!
Ci feriamo l’un l’altro come lo sposo e la sposa si feriscono l’un l’altra.

22.
Mare! Anche a te mi abbandono – indovino ciò che vuol dire,
Osservo dalla spiagga le tue dita ricurve che invitano,
E so che non vuoi allontanarti senza avermi toccato,
Dobbiamo fare un giro, noi due insieme, mi spoglio, portami in fretta lontano dalla vista della terra,
Fammi da molle cuscino, cullami in un’ondosa sonnolenza,
Spruzzami di pioggia amorosa, saprò ripagarti.
Mare dalle lunghe risacche,
Mare alitante ampi convulsi respiri,
Salmastro mare di vita, di non scavate tombe sempre pronte,
Agitatore e ululatore di tempeste, capriccioso e delicato mare,
Sono parte di te, sono anch’io d’una fase e di tutte le fasi.
Partecipo a influssi e emanazioni, esalto l’odio e la concordia,
Celebro l’amicizia e gli amanti che dormono abbracciati.
Sono colui che testimonia simpatia
(Dovrei redigere la lista degli oggetti di casa e omettere la casa che li sostiene?)
Io non sono il poeta della sola bontà, e non ricuso d’essere il poeta anche della perfidia.
Che tiritera è questa sulla virtù e sul vizio?
Il male mi sospinge, la correzione del male mi sospinge, io resto indifferente,
Il mio non è il passo di chi critica o respinge,
Io annaffio le radici di tutto ciò che è cresciuto.
Temevate che uscisse qualche scrofola dall’instancabile gravidanza?
Credevate che le leggi celesti fossero ancora da elaborare e emendare?
Da un lato trovo un peso, agli antipodi il suo contrappeso,
Molli dottrine giovano come salde dottrine,
Pensieri e atti del presente il nostro svegliarci e il mattutino andare.
Questo minuto che mi arriva dai decilioni passati,
Non ce n’è di migliori: è questo ed è ora.
Ciò che agì bene nel passato o agisce bene oggi non è una gran meraviglia,
La meraviglia è, e sarà sempre, che possa esistere un uomo meschino o un miscredente.

23.
Infinito dispiegarsi di parole negli evi!
E la mia, una parola del moderno, la parola Massa.
La parola d’una fede che mai non inganna,
ora o in futuro è lo stesso per me, accetto il Tempo in senso assoluto.
Quello solo è senza pecche, quello solo colma e completa tutto,
solo quella mistica meraviglia elusiva completa tutto.
lo accetto la Realtà e non oso discuterla,
Da cima a fondo imbevendomi di Materialismo.
Urrà alla scienza positiva! Viva l’esatta dimostrazione!
Recate sedo misto con cedro e rami di lillà,
Costui è un lessicografo, questi un chimico, questi da antichi cartigli ricavò una  grammatica,
Quei marinai guidarono la nave per mari ignoti e perigliosi.
Questi è un geologo, costui un matematico, quest’altro opera col bisturi.
Signori, a voi sempre i primi onori!
Le vostre esperienze sono utili, ma non sono di mia pertinenza,
Per mezzo loro mi limito a entrare in un’area di mia pertinenza.
Meno proprietà evocarono le mie parole,
E più evocarono vita non detta, libertà, liberazione,
Dare poca importanza a neutri e castrati, privilegiare uomini e donne pienamente dotati,
E battere il gong della rivolta, e soffermarsi coi profughi e con quelli che tramano e cospirano.

24.
Walt Whitman, un kosmos, di Manhattan figlio,
Turbolento, carnale, sensuale, che mangia, beve e procrea,
Non fa il sentimentale, non guarda dall’alto in basso né gli uomini né le donne, e non li tiene a distanza,
Non più modesto che immodesto.
Schiodate i chiavistelli dalle porte!
Anzi, schiodate le porte stesse dai cardini!
Chiunque umilia un altro umilia me,
E qualunque cosa sia fatta o detta ritorna infine a me.
Attraverso di me s’alza e cresce l’afflatus, attraverso di me la corrente e la lancetta che  la misura.
Pronuncio la parola d’ordine primordiale, lancio il segnale della democrazia,
Per Dio! non accetterò nulla di cui chiunque altro non possa avere il corrispettivo nei   medesimi termini.
Attraverso di me molte voci lungamente mute,
Voci delle interminabili generazioni di prigionieri e di schiavi,
Voci degli infermi e disperati e di ladri e nani,
Voci dei cicli di preparazione e di accrescimento,
E dei fili che collegano le stelle, e dei grembi e del seme paterno,
E dei diritti di quelli che gli altri calpestano,
I deformi, i banali, gli spenti, gli stolti, i disprezzati,
Nebbia nell’aria, scarabei che rotolano pallottole di sterco.
Attraverso di me voci proibite,
Voci di sessi e lussurie, voci velate e io sollevo il velo,
Voci indecenti che io rendo limpide e trasfigurate.
Non premo l’indice sulla bocca,
Tratto con delicatezza le viscere, al pari della testa e del cuore,
La copula per me non è più indecente della morte.
Io credo nella carne e negli appetiti,
Vista, udito, tatto sono miracoli, e ogni parte, ogni frammento di me è un miracolo.
Divino io sono al diritto e al rovescio e rendo santo ciò che tocco o mi tocca, odore di  queste ascelle è aroma più delicato delle preghiere,
e più di chiese questo mio capo, più di bibbie e di tutti i credi.
Se adorerò una cosa più che un’altra, sarà l’estensione del mio corpo, o ciascuna sua  parte,
Sarai tu, traslucida forma di me!
Voi, recessi ombrosi e sporgenze!
Tu, saldo coltro virile!
Sarete voi, qualsiasi cosa rivolta a coltivare me!
Tu, ricco mio sangue! Il tuo latteo ruscello, pallida spremitura di vita!
Petto che ti premi su altri petti, sarai tu!
Mio cervello, saranno le tue occulte circonvoluzioni!
Radice dell’umido calamo odoroso! timido beccaccino di palude! nido che proteggi il  duplice uovo! sarete voi!
Sarai tu, fieno arruffato misto di testa, barba e muscoli!
Gocciante linfa d’acero, fibra di maschio grano, sarete voi!
Voi, miei generosi soli!
Voi, vapori illuminanti e adombranti il mio volto!
Ruscelletti e rugiade di sudore, sarete voi!
Venti che mi strusciate coi vostri salsi titillanti genitali!
Sarete voi, ampi campi muscolosi, rami di viva quercia, bighellone amoroso sui miei tortuosi sentieri!
Mani che ho stretto, volto che ho baciato, mortale che mai abbia toccato, sarete voi.
Io stravedo per me, vi sono in me tante cose e tutte voluttuose,
Ogni momento e qualunque cosa accada mi fa trasalire di gioia,
Non saprei dire come si flettono le mie caviglie, né dove ha origine il mio più flebile desiderio,
Né la causa dell’amicizia che emano, né di quella che accolgo.
Se salgo le scale alla mia porta, mi fermo a pensare se ciò accada realmente,
Un convolvolo alla finestra mi soddisfa più che la metafisica dei libri.
Contemplare un’alba!
La poca luce fa svanire le ombre diafane, immense,
L’aria sa di buono al mio palato.
Sollevamenti del mondo che muove a balzi innocenti in silenziose ascese, trasudanti freschezze,
Obliquamente guizzanti in alto e in basso.
Qualcosa che non vedo spinge in alto punte libidinose,
Mari di succo luminoso inondano il cielo.
La terra accanto al cielo con cui stava, la conclusione quotidiana della loro unione,
La sfida lanciata da oriente in quel momento sopra la mia testa,
Il beffardo sberleffo. Considera dunque se sarai il padrone!

25.
Abbagliante, tremenda, con che rapidità m’ucciderebbe un’alba,
Se io non potessi ora e sempre irraggiare un’alba da me.
Noi pure sorgiamo, abbaglianti e tremendi come il sole,
e fondiamo la nostra aurora, o anima mia, nella calma frescura dell’alba.
La mia voce cerca di ottenere quanto i miei occhi non possono raggiungere,
Con un ruotare di lingua circondo mondi e volumi di mondi.
La parola è gemella della mia visione, è inadeguata a misurare se stessa,
Continuamente mi provoca, con sarcasmo mi dice:
Walt, contieni molto, perché dunque non lo tiri fuori?
Suvvia, non punzecchiarmi, tu pretendi troppo dal discorso,
Non sai forse, o parola, che i germogli sotto di te sono chiusi?
Attendono al buio, protetti dal gelo,
li terriccio si ritrae alle mie grida profetiche,
Vi sottintendo le cause per bilanciarle alla fine,
La consapevolezza è mio vitale talento, e tiene il passo col senso di tutte le cose,
Felicità (chiunque ascolti, uomo o donna, ne parta oggi stesso alla ricerca).
Il mio merito finale ve lo nego, rifiuto di separarmi da ciò che sono realmente,
Circoscrivete mondi, non cercate di circoscrivere me,
Respingo il più ipocrita e il migliore di voi con una sola occhiata.
Lo scrivere e il parlare non provano chi sono,
Io reco il plenum della prova e di ogni altra cosa sul volto,
Con il silenzio imposto alle mie labbra confondo totalmente lo scettico.

26.
Ora non voglio che ascoltare,
Per derivare in questo canto ciò che odo, per lasciare che i suoni vi affluiscano.
Odo virtuosismi d’uccelli, brulichio di grano maturante, cicaleccio di fiamme, schiocchi di sterpi che mi cuociono il cibo,
Odo il suono che amo, il suono della voce umana,
Odo tutti i suoni che si espandono insieme, che si combinano, si fondono o susseguono,
Rumori della città e della campagna, rumori del giorno e della notte,
Loquacità di bimbi con quelli che li amano, risate fragorose di operai alla mensa,
Il basso irato dell’amicizia incrinata, i toni flebili degli ammalati,
Le labbra pallide del giudice che pronunciano una sentenza di morte, le mani poggiate sul banco,
L’oh issa! degli stivatori che scaricano le merci sui moli, il ritornello dei marinai che salpano l’ancora,
Le campane d’allarme, il grido “al fuoco!”, il frusciare affrettato delle pompe e i carri-idranti con gli squilli di avvertimento e le luci colorate,
Il fischio del vapore, il rotolio compatto del convoglio che si approssima,
La lenta marcia eseguita in testa al corteo degli associati in fila a due per due, (Vanno a scortare un morto, l’asta delle bandiere drappeggiata di nero).
Odo il violoncello (lamento del cuore d’un giovane),
Odo la cornetta, scivola svelta per le orecchie,
Suscita spasmi di dolce follia nel petto e nel ventre.
Odo il coro di un’opera,
E questa è veramente musica – musica che fa per me.
Un tenore ampio e fresco come la creazione mi soddisfa,
Il mutevole cerchio della sua bocca trabocca e mi ricolma.
Odo la soprano ben esercitata (paragonato al suo, che lavoro è mai questo?)
L’orchestra mi lancia per orbite più ampie di quelle di Urano,
Scuote in me ardori che ignoravo di possedere,
Mi fa veleggiare, io sciaguatto a piedi nudi, leccati dalle onde indolenti,
Vengo sferzato da un’aspra grandine irosa, perdo il fiato,
Immerso nella melata atmosfera della morfina, la mia trachea strozzata da nodi mortali,
Infine liberato a sentir nuovamente l’enigma degli enigmi,
E quello che noi chiamiamo l’Essere.

27.
Esistere in qualche forma, che è questo?
(Giriamo e giriamo tutti noi per tornare sempre ad un punto),
Se non ci fosse niente di più progredito, basterebbe la vongola nella sua dura conchiglia.
Io non ho una dura conchiglia,
Conduttori istantanei mi attraversano, che io cammini o mi fermi,
Afferrano ogni oggetto e me lo guidano dentro senza nuocermi.
Io non faccio che muovere, premere, palpare con le dita, e mi beo,
Accostare la mia persona a quella d’un altro è quasi il massimo che posso sostenere.

28.
È questo dunque il tatto? farmi fremere verso una nuova identità,
Etere e fiamme a precipizio nelle vene,
La punta infida che si allunga e gonfia per dar loro un soccorso,
La carne e il sangue che lanciano fulmini per colpire ciò che è diverso da me a malapena,
Provocatori lascivi da ogni parte m’irrigidiscono le membra,
Spremono la mammella del mio cuore per poche gocce riluttanti,
Si comportano con me senza riguardi, non accettano ripulse,
Mi privano del meglio come se avessero uno scopo,
Mi sbottonano i vestiti, mi afferrano per la cintola nuda,
Ingannano la mia confusione con la calma del sole e dei pascoli,
Sfrontatamente facendo scivolare da parte gli altri sensi,
Che mi subornavano per barattarsi con il tatto e andare a pascolare ai margini del mio corpo,
Nessun rispetto, nessuna considerazione per le mie forze esaurite, per la mia rabbia,
Prendendo il resto del branco per gioirne un momento,
Quindi unendoli tutti su un promontorio a tormentarmi.
Le sentinelle disertano ogni altra parte di me,
Inerme mi hanno abbandonato a un rosso masnadiero,
Vengono tutte al promontorio per testimoniare e dar man forte contro di me.
Sono stato consegnato da traditori,
Parlo da folle, ho perduto il mio senno, sono io e nessun altro il più gran traditore,
lo per primo mi recai sul promontorio, le mie stesse mani mi portarono.
Tatto ribaldo! che fai? il respiro mi si blocca in gola,
Schiudi le tue cateratte, tu sei troppo per me.

29.
Cieco contatto di scontri amorosi, inguainato, incappucciato tatto dai denti affilati,
Tanto male ti fece lasciarmi?
Partenza seguita da arrivo, perpetuo saldo di perpetui prestiti,
Pioggia ricca, e più abbondante ricompensa poi.
Germogli spuntano e si ammassano, vicini al freno prolifici e vitali,
Paesaggi maschili, progettati d’oro e a grandezza naturale.

30.
Tutte le verità attendono in tutte le cose,
Esse non affrettano né ostacolano il loro manifestarsi.
Non hanno bisogno del forcipe né del chirurgo,
L’irrilevante è importante ai miei occhi quanto il resto.
(Cosa è inferiore o superiore al tatto?).
La logica e i sermoni non convincono mai,
L’umido della notte penetra più profondamente nella mia anima.
(Solo ciò che dà la prova di sé a ogni uomo e a ogni donna,
Solo ciò che nessuno smentisce è così).
Un solo attimo e una mia sola stilla mettono in ordine la mente,
Credo che ogni zotico possa diventare lampada e amante,
E che il compendio dei compendi è la carne dell’uomo e della donna,
E sommità fiorita il sentimento che hanno l’uno per l’altra,
E che devono diramarsi senza limiti da quella lezione finché diventi onnifica,
E finché tutti ci daranno gioia, e noi a loro.

31.
Credo che una foglia d’erba non sia meno di un giorno di lavoro delle stelle,
E ugualmente è perfetta la formica, e un grano di sabbia, e l’uovo dello scricciolo,
E una raganella è un capolavoro dei più alti,
E il rovo rampicante potrebbe adornare i salotti del cielo,
E la più stretta linea della mia mano se la può ridere di ogni meccanismo,
E la vacca che rumina a testa bassa supera ogni statua,
E un topo è un miracolo sufficiente a far vacillare miriadi di miscredenti.
Scopro che io incorporo gneiss, carbone, muschio dalle lunghe striature, frutta, grani, radici commestibili,
E che sono tutto  stuccato, dipinto di quadrupedi e uccelli,
E che ho distanziato ciò che è rimasto indietro per buone ragioni,
Ma che posso richiamare ogni cosa se lo desidero.
Invano affrettarsi o ritrarsi,
Invano le rocce plutoniche emettono la loro antica vampa contro di me se mi avvicino,
Invano il mastodonte si ritira sotto le sue ossa fatte polvere,
Invano oggetti se ne stanno leghe e leghe lontano e assumono forme molteplici,
Invano l’oceano si sistema nelle sue caverne profonde e i grandi mostri vi giacciono,
Invano la poiana fa del cielo la sua casa,
Invano il serpente striscia tra i rampicanti e i tronchi,
Invano l’alce va per i più interni passaggi della foresta,
Invano la gazza marina dal becco a rasoio fa vela per il nord sino al Labrador,
io la inseguo veloce, salgo al suo nido nella fenditura del dirupo.

32.
Credo che potrei voltare la schiena e andare a vivere con gli animali, così placidi e contenti,
Mi fermo e li contemplo per ore e ore.
Non s’affannano mai, non gemono per la loro condizione,
Non vegliano al buio a piangere i loro peccati,
Non mi danno disgusto discutendo sui loro doveri verso Dio,
Nessuno è insoddisfatto, nessuno impazzisce per smania di possedere,
Nessuno s’inginocchia davanti a un suo simile, né ad altri della sua specie vissuti migliaia di  anni fa,
Nessuno è rispettabile o infelice per la terra universa.
Essi mi rivelano i loro rapporti con me e io li accetto,
Mi recano testimonianze di me, e dimostrano chiaramente che le hanno in loro possesso.
Mi chiedo dove mai abbiano raccolto queste testimonianze,
Forse anch’io sono passato da quelle parti, tempi infiniti or sono, e con negligenza le ho lasciate cadere?
Per conto mio, avanzando allora, ora e sempre.
Raccogliendo e rivelando sempre più, con velocità sempre maggiore,
Infinito e onnigeno, loro simile tra le varie specie,
Non troppo sdegnoso verso quelli che ostentano i miei ricordi,
Ne scelgo uno che amo, col quale m’avvio come con un fratello.
Gigantesca bellezza d’uno stallone, vivace e sensibile alle mie carezze,
Testa alta sulla fronte, ampia tra le orecchie,
Membra agili e lucenti, coda che spolvera il terreno,
Occhi pieni di sfavillante malizia, orecchie dal taglio perfetto, flessibili e in movimento.
Le froge gli si allargano appena i talloni lo avvinghiano,
Le membra ben costrutte tremano di piacere mentre facciamo una galoppata.
Ti uso solo un momento, stallone, poi ti lascio,
Che bisogno ho della tua andatura quando io stesso la batto?
Perfino immobile o seduto corro più svelto di te.

33.
Spazio e Tempo! ora m’accorgo che è vero, quello che immaginavo,
Quello che immaginavo quand’ero sdraiato sull’erba,
Che immaginavo giacendo solo nel letto,
O camminando sulla spiaggia sotto le stelle impallidite del mattino.
Mi libero di lacci e zavorre, appoggio i gomiti nelle lacune del mare,
Rasento catene di montagne, le mie palme coprono continenti,
Sono in cammino con la mia visione.
Presso le case quadrangolari della città, in capanne di tronchi, accampato coi tagliaboschi,
Lungo le carraie d’una strada a pedaggio, lungo l’arido dirupo e il letto del ruscello,
Diserbando le mie cipolle o zappando file di carote e pastinache, attraversando savane,  seguendo orme nelle foreste,
Cercando minerali, scavando l’oro, circoncidendo gli alberi di nuovo acquisto,
Bruciato fino alle caviglie dalla sabbia infocata, trascinando la barca sul fiume in secca,
Dove su un ramo proteso sulla testa va su e giù la pantera, dove il cervo si rivolta furioso al cacciatore,
Dove il serpente a sonagli si scalda al sole in tutta la sua flaccida lunghezza, dove la lontra si ciba di pesci,
Dove l’alligatore dorme coperto di pustole coriacee presso un braccio del fiume,
Dove l’orso nero cerca miele o radici, dove il castoro batte il fango con la sua coda a spatola;
Sulla coltivazione dello zucchero, sul giallo fiore del cotone, sul riso nei bassi campi acquitrinosi,
Sulla fattoria dal tetto aguzzo, con la sua smerlatura e gli snelli doccioni dalle gronde,
Sul diospiro dell’occidente, sul granturco dalle lunghe foglie, sul delicato lino dal fiore azzurro,
Sul grano saraceno bianco e bruno, che ronza e mormora con gli altri,
Sul verde cupo della segala, che sfuma alla brezza e s’increspa,
Scalando montagne, tirandomi su cautamente, attaccato a brevi sporgenze scabrose,
Percorrendo il sentiero tracciato nell’erba o aperto tra le foglie della macchia,
Dove la quaglia fischia tra il bosco e il campo di grano,
Dove svolazza il pipistrello nelle sere del Settimo mese, dove il grande scarabeo dorato tonfa nel buio,
Dove il ruscello sgorga tra le radici del vecchio albero e scorre verso il prato,
Dove posa il bestiame e scaccia via le mosche col tremulo scrollare della pelle,
Dove il sacchetto per la cagliata è appeso in cucina, dove gli alari stanno a cavalcioni del focolare, e le ragnatele pendono in festoni dai travi;
Dove il maglio frastuona, dove la stampatrice ruota veloce i suoi cilindri,
Dovunque il cuore umano batta sotto le costole con orribili fitte,
Dove il pallone a forma di pera galleggia in alto (anch’io sospeso in esso, guardo giù serenamente),
Dove il canotto di salvataggio è tirato da un cappio, dove il calore schiude uova verdastre sulla sabbia dentellata,
Dove la balena nuota con il suo piccolo e non lo perde mai di vista,
Dove il piroscafo trascina il suo lungo orifiamma di fumo,
Dove la pinna dello squalo fende l’acqua come una nera scheggia,
Dove il brigantino semiarso è trascinato da correnti sconosciute,
Dove il suo ponte limaccioso si copre di conchiglie, dove sottocoperta i morti si corrompono,
Dove la bandiera fitta di stelle marcia alla testa dei reggimenti,
Accostando Manhattan su per l’isola lungo-distesa,
Sotto il Niagara, la cascata rovesciando come un velo sul mio volto,
Sopra la soglia d’una porta, sul montatoio lì accanto di legno compatto,
Alle corse, ai picnic, ballando gighe o godendo una bella partita a baseball,
Nelle feste tra uomini, fra battute salaci, frecciate oscene, ballonzoli, grandi bevute e risate,
In una fabbrica di sidro, assaggiando la dolce, bruna poltiglia, succhiando il succo attraverso una paglia,
Tra le ragazze che sbucciano le mele, chiedendo baci per ogni mela rossa,
Ai raduni, ai party sulla spiaggia, ai lavori in comune, spannocchiatura, costruzione d’una casa,
Dove il mimo poliglotta lancia i suoi deliziosi gorgoglii, chioccolii, gridi acuti e lamenti,
Dove la bica campeggia sull’aia, gli steli secchi cospargono il suolo, dove la vacca aspetta nel recinto,
Dove il toro s’avvia al suo lavoro di maschio, lo stallone raggiunge la cavalla, il gallo assalta la gallina,
Dove pascolano le giovenche, dove le oche spilluzzicano il cibo con bruschi rapidi colpi,
Dove le ombre del tramonto si distendono sulle deserte praterie sconfinate,
Dove mandrie formicolanti di bufali si spandono per miglia in lungo e in largo,
Dove brilla il colibrì, dove il cigno longevo inarca il collo sinuoso,
Dove il gabbiano, sfreccia lungo il lido, dove echeggia la sua risata quasi umana,
Dove le arnie sono allineate nell’orto sopra una grigia panca, seminascoste dall’erba alta,
Dove le pernici dallo scuro collare dormono in terra accovacciate, in cerchio, con la testa sull’ala,
Dove i funebri carri attraversano gli archi dei cancelli dei cimiteri,
Dove i lupi d’inverno latrano pei deserti di neve e di alberi ricoperti di ghiaccioli,
Dove l’airone dal ciuffo giallo ai margini della palude si ciba nottetempo di piccoli granchi,
Dove gli spruzzi dei tuffi dei bagnanti rinfrescano il caldo meriggio,
Dove sul noce sopra il pozzo la cavalletta verde aziona l’ancia cromatica,
Attraverso orti di cedri e di cetrioli dalle foglie venate d’argento,
Attraverso terreni salini o boschetti d’aranci, o sotto conici abeti,
Attraverso palestre, attraverso saloni con tendaggi, attraverso gli uffici o i luoghi aperti al pubblico,
Contento del connazionale, contento dello straniero, contento del nuovo e dell’antico,
Contento della donna brutta quanto di quella bella,
Contento della quacquera che si sbarazza della cuffia e parla melodiosamente,
Contento del coro della chiesa imbiancata di fresco,
Contento del sudato predicatore metodista le cui ardenti parole mi colpirono al raduno all’aperto;
Guardando dentro le vetrine di Broadway l’intera mattinata, con il naso schiacciato sulla lastra di cristallo,
Vagabondando in quello stesso pomeriggio col viso rivolto alle nuvole, lungo un viottolo o lungo la spiaggia,
Con due amici, io nel mezzo, il braccio destro e il sinistro attorno ai loro fianchi,
Tornando a casa col silenzioso boscaiolo dalle guance annerite (cavalca dietro di me al calare del sole),
Lontano dalle concessioni, studiando le tracce delle zampe di animali, le impronte dei mocassini,
Presso la branda dell’ospedale porgendo limonata a un malato febbricitante,
Accanto al corpo nella bara, quando tutto è silenzio, esaminandolo con una candela,
Viaggiando verso ogni porto per commercio e avventura,
Spingendo la folla, impaziente e volubile quanto ogni altro,
Violento verso chi odio, pronto ad accoltellarlo nella mia frenesia,
Solitario a mezzanotte nel cortile dietro la casa, i miei pensieri lontani da me per lungo tempo,
Percorrendo le antiche colline della Giudea con il bel Dio gentile al mio fianco,
Proiettandomi nello spazio, attraverso il cielo e le stelle,
Volando fra i sette satelliti e il vasto anello e il diametro di ottantamila miglia,
Volando con le comete munite di coda, scagliando palle di fuoco come il resto,
Portando la falce bambina che reca in grembo la madre piena,
Infuriando, godendo, progettando, amando, usando cautela,
Indietreggiando, invadendo, apparendo, scomparendo,
Simili strade io percorro notte e giorno.
Visito i frutteti di sfere e ne osservo i prodotti,
E tengo conto dei quintilioni maturi, dei quintilioni acerbi.
Volo i voli d’un’anima mutevole e ingorda,
La mia rotta corre sotto il piombo degli scandagli.
Mi approprio del materiale e dell’immateriale,
Nessun guardiano può fermarmi, nessuna legge impedirmi.
Ancoro la mia nave solo per breve tempo,
I miei messi incrociano lontano e di continuo mi recano i loro rapporti.
Vado a caccia di foche e di pellicce polari, saltando crepacci con un bastone ferrato, afferrandomi a picchi fragili e azzurri.
Salgo fino alla galletta del trinchetto,
A notte fatta prendo posto dentro il nido del corvo,
Salpiamo verso il mare artico, c’è ancora luce abbastanza,
Mi espando nella chiara atmosfera su quella stupefacente bellezza,
Masse enormi di ghiaccio mi sorpassano e io sorpasso loro, il paesaggio è percepibile in ogni direzione,
In lontananza appaiono le montagne imbiancate, verso di loro proietto le mie fantasie,
Ci avviciniamo a qualche grande campo di battaglia in cui saremo presto ingaggiati,
Oltrepassiamo i colossali avamposti dell’accampamento, andiamo oltre con passi cauti e silenziosi,
Oppure entriamo dai suburbi in una immensa città diroccata,
Isolati e architetture crollate più che in ogni altra viva città della terra.
lo sono un mercenario, bivacco presso i fuochi degli invasori,
Caccio dal letto lo sposo e sto con la sposa,
Tutta la notte me la stringo alle labbra e alle cosce.
La mia voce è la voce della moglie, l’urlo dalla ringhiera della scala,
Portano di sopra il corpo sgocciolante del mio uomo annegato.
Comprendo il grande cuore degli eroi,
Il coraggio del nostro tempo e di ogni tempo,
Del proprietario della nave che vide il relitto affollato e senza timone, e la Morte gli dava la caccia su e giù nella tempesta,
Che serrò i pugni e non si mosse d’un pollice, e fu ligio al dovere giorno e notte,
E scrisse su una tavola col gesso a grandi lettere, Fatevi animo,  non vi abbandoneremo;
E li segui e bordeggiò con loro per tre giorni e non volle arrendersi,
E li salvò alla fine, che andavano tutti alla deriva;
Che aspetto avevano le donne smagrite negli abiti larghi quando le trasbordarono dai fianchi di quella tomba già pronta!
E i bimbi, muti, con facce da vecchi, e i malati, sollevati di peso, e gli uomini, le barbe lunghe, le labbra affilate!
E tutto questo io ingoio, e sa di buono, mi piace molto, diventa mio,
Sono quell’uomo, ho sofferto, ero lì.
Lo sdegno e la calma dei martiri,
La madre condannata come strega, arsa su secca legna sotto gli occhi dei figli,
Lo schiavo inseguito dai cani che s’affloscia nel correre, s’appoggia allo steccato, ansimando, coperto di sudore,
Le fitte che pungono come aghi nelle gambe e nel collo, i pallettoni e le pallottole omicide,
Tutto questo io sento e sono.
Sono lo schiavo inseguito, mi dibatto al morso dei cani,
Disperazione e inferno su di me, sparano e sparano di nuovo  i tiratori,
Mi aggrappo alle sbarre dello steccato, il sangue cola denso, misto al trasudamento della pelle,
Cado sull’erba e i sassi,
Gli uomini spronano i loro cavalli riluttanti, si accostano,
Mi assordano d’insulti, mi danno colpi violenti sulla testa coi manici delle fruste.
Le agonie sono uno dei miei travestimenti,
Non chiedo al ferito come si senta, io divento il ferito,
Le piaghe diventano nerastre su di me, mentre mi appoggio a un bastone e sto ad osservare.
Sono il pompiere schiacciato con lo sterno fracassato,
I muri cadendo mi hanno sepolto nelle loro macerie,
Ho respirato aria bruciante e fumo, udito i richiami dei compagni,
Il lontano picchìo dei picconi e delle pale,
Hanno rimosso le travi, delicatamente mi sollevano.
Giaccio nell’aria della sera con la camicia arrossata, è per me questo silenzio che dilaga,
Ormai insensibile al dolore, giaccio esausto ma non proprio infelice,
Bianchi e belli sono i volti intorno a me, le teste nude senza l’elmetto
La folla inginocchiata svanisce con la luce delle torce.
Gli assenti e i morti rinascono,
Appaiono come il quadrante o si muovono come le lancette, e sono io l’orologio.
Sono un vecchio artigliere, narro il bombardamento del mio forte,
Sono di nuovo lì.
Di nuovo il lungo rullare dei tamburi,
Di nuovo i cannoni che attaccano, i mortai,
Di nuovo ai miei orecchi in ascolto il cannone che risponde.
Vi prendo parte, vedo e sento tutto,
Gli urli, le bestemmie, il rimbombo, gli applausi per i colpi ben diretti,
L’ambulanza che procede lentamente con il suo rosso sgocciolìo,
Operai che esaminano i danni, riparando l’indispensabile,
Le granate che cadono dal tetto squarciato, le esplosioni a ventaglio,
Il sibilo nell’aria di membra, teste, legno, pietra, ferro.
Di nuovo il gorgoglìo, nella strozza del mio generale morente, il gesto iroso della mano,
Attraverso i coaguli rantola, Non badate a me… badate… alle trincee.

34.
Adesso vi racconto ciò che ho saputo nel Texas, nella mia prima gioventù.
(Non parlerò della caduta di Alamo,
Nessuno è scampato per raccontarci la caduta di Alamo,
I centocinquanta sono ancora muti, ad Alamo),
Questo è il racconto del massacro a sangue freddo di quattrocentododici giovani.
Ritirandosi, si schierarono in quadrato, dietro i loro bagagli,
Novecento vite, fu il prezzo che presero in anticipo dal nemico accerchiante (ed era nove volte il loro numero),
Il colonnello era ferito, le munizioni terminate,
Trattarono una resa onorevole, ricevettero scritto e sigillo, consegnarono le armi e si misero in marcia, prigionieri di guerra.
Erano il vanto della razza dei rangers,
Insuperabili a cavallo e col fucile, e nel cantare, banchettare, corteggiare,
Grandi, generosi, turbolenti, belli, orgogliosi e affettuosi,
Barbuti, abbronzati, vestiti del libero costume dei cacciatori,
Neppure uno che superasse trent’anni.
La mattina della seconda domenica furono fatti uscire a squadre e massacrati, era il bel tempo della prima estate,
Il lavoro cominciò verso le cinque e terminò alle otto.
Nessuno obbedì all’ordine d’inginocchiarsi,
Qualcuno tentò un folle e disperato assalto, altri rimasero rigidi ed eretti,
Alcuni caddero immediatamente, colpiti al cuore o alla tempia, i vivi e i morti giacquero insieme,
I mutilati, i crivellati di colpi, raspavano nel fango, e là li videro i nuovi arrivati,
Qualcuno, non ucciso del tutto, provò a strisciare via,
Fu liquidato con le baionette, maciullato col calcio dei moschetti;
Un giovane di diciassette anni afferrò il suo assassino e ce ne vollero due per liberarlo,
I tre ne uscirono laceri, imbrattati dal sangue del ragazzo.
Alle undici iniziarono a bruciare i cadaveri.
Questo è il racconto del massacro dei quattrocentododici giovani.

35.
Vi piacerebbe udire d’uno scontro navale d’altri tempi?
Sapere chi vinse, sotto la luce della luna e delle stelle?
Ascoltate l’avventurosa storia così come il padre di mia nonna la raccontava a me.
Il nemico non era certo tipo da rimpiattarsi sulla nave, te lo assicuro io (mi diceva),
Un fegataccio scorbutico d’inglese che mai ce ne furono e saranno di più duri e leali;
Mentre scendeva la sera, ci piombò addosso con terribili colpi d’infilata.
Ingaggiamo battaglia, i pennoni s’impigliano, i cannoni si toccano,
Il mio capitano legò la nave alla sua con le sue stesse mani.
Avevamo ricevuto alcune palle da diciotto libbre sotto la linea d’acqua,
Sul ponte inferiore due grossi pezzi erano esplosi al primo colpo, uccidendo all’intorno e mandando in frantumi di sopra.
Si combatte al tramonto, si combatte che è notte,
Sono le dieci, la luna piena è bella alta, le nostre falle imbarcano acqua, cinque piedi, ci dicono,
L’aiutante di bordo libera i prigionieri nella cella di poppa, per dargli una via di scampo.
L’accesso alla santabarbara è bloccato dalle sentinelle,
Vedono troppe facce estranee, non sanno più di chi fidarsi.
La nostra fregata prende fuoco,
Gli altri chiedono se ci arrendiamo?
Se i nostri colori sono ammainati e il combattimento è finito?
Adesso rido soddisfatto perché sento la voce del mio piccolo capitano,
Non abbiamo ammainato, grida calmo, abbiamo appena cominciato a combattere noi.
Solo tre cannoni sono in uso,
Lo stesso capitano ne punta uno contro l’albero maestro del nemico,
Gli altri due, ben serviti a mitraglia, fanno tacere la moschetteria e sgombrano i ponti.
Solo i gabbieri assecondano il fuoco di questa piccola batteria, specie il gabbiere di maestra,
Tengono duro coraggiosamente durante tutta l’azione.
Non un attimo di sosta,
Le falle hanno la meglio sulle pompe, il fuoco avanza verso la polveriera,
Una pompa è spazzata via da un colpo, pensiamo tutti che stiamo affondando.
Resta sereno il piccolo capitano,
Non s’affretta, non alza né abbassa la voce,
I suoi occhi mandano più luce delle nostre lanterne da battaglia.
Verso la mezzanotte, ai raggi della luna, furono loro che si arresero a noi.

36.
Distesa e quieta giace la mezzanotte,
Due grandi scafi immobili sul petto delle tenebre,
La nostra nave crivellata affonda lentamente, preparativi per passare su quella conquistata,
Il capitano, sul cassero di poppa, dà ordini, bianco come un lenzuolo,
Lì accanto il cadavere del mozzo che serviva in cabina,
Il volto spento d’un vecchio lupo di mare, lunghi capelli bianchi e basettoni arruffati con cura,
Le fiamme che ancora lingueggiano, malgrado quanto si è potuto fare, sopra e sotto coperta,
Le voci roche dei due o tre ufficiali ancora in grado di fare qualcosa,
Cataste informi di corpi, e corpi sparsi, pezzi di carne sugli alberi e i pennoni,
Sferzare di sartiame, dondolare di attrezzi, lieve scossa della carezza delle onde,
Neri cannoni impassibili, cartaccia dei pacchi di polvere, fetore,
Lassù poche grandi stelle che brillano tetre e silenziose,
Buone zaffate di brezza marina, odori d’àcoro e di campi dalla costa, discorsi funebri affidati alle cure dei sopravvissuti,
Il sibilo del bisturi, il rosicchiare dei denti della sega del chirurgo,
L’ansimare, il chiocciare, lo sciaguattare del sangue che cade, brevi urli furiosi, e lunghi, sordi gemiti che si spengono.
Questi così, questi irrimediabili.

37.
Ehi là, poltroni, all’erta! mano alle armi!
Dalle porte espugnate fanno ressa, si impadroniscono di me!
Incarno tutti i proscritti o assoggettati,
Mi vedo in carcere con le forme d’un altro,
E provo cupa ininterrotta pena.
Per me i guardiani portano a spalla il fucile e fanno la guardia,
Sono io che fanno uscire al mattino e rinchiudono la sera.
Non c’è ammutinato condotto in prigione ammanettato che non cammini al mio fianco, ammanettato con me,
(E più che il tipo allegro, sono quello taciturno, con il sudore sulle labbra che tremano).
Non c’è ladruncolo preso che anch’io non sia processato e condannato,
Non c’è malato di colera in agonia che anch’io non sia ai miei ultimi rantoli,
Ho la faccia cinerea, i tendini si torcono, tutti si scostano da me.
I mendicanti s’incarnano in me e io m’incarno in essi,
Tendo il cappello, siedo con volto vergognoso, e chiedo l’elemosina.

38.
Basta! basta! basta!
Per qualche motivo sono rimasto intontito. Fatevi indietro!
Datemi un po’ di tempo, per la mia testa frastornata da schiaffi, assopimenti, sogni, guardare a bocca aperta,
Io mi scopro sull’orlo d’un errore abituale.
Che io abbia potuto scordare schernitori ed ingiurie!
Che io abbia potuto scordare le lacrime versate, i colpi di mazza e di martello,
Che abbia potuto contemplare con occhio distaccato la mia crocifissione e la corona  insanguinata.
Ricordo adesso,
Riprendo la parte tralasciata,
La tomba di roccia moltiplica quanto è stato confinato in essa, o in ogni altra tomba,
I cadaveri si levano, i tagli nella carne si richiudono, i legami si sciolgono da me,
Io avanzo in truppa dotato d’un potere supremo, uno d’un corteo interminabile,
Nell’entroterra e costeggiando procediamo, oltrepassando tutte le frontiere,
Le nostre pronte ordinanze si diramano per tutta la terra,
I fiori che rechiamo sui cappelli sono la fioritura di migliaia di anni.
Elèves, io vi saluto! venite avanti!
Continuate le vostre annotazioni, continuate gl’interrogatori.

39.
Il primitivo espansivo e cortese, chi è?
Uno che aspetta la civiltà, o che l’ha superata e la domina?
È qualche sud-occidentale cresciuto all’aria aperta? è un canadese?
È delle terre del Mississippi? dello Iowa, dell’Oregon, California?
Viene dai monti? dalle praterie? è un boscaiolo o un marinaio dell’oceano?
Dovunque vada, la sua compagnia è bene accolta, desiderata da uomini e da donne,
Vogliono che li ami, che li tocchi, che parli con loro, che si trattenga con loro.
Modi sciolti come fiocchi di neve, parole semplici come l’erba, testa arruffata, risate, candore,
Passi lenti, modi, fattezze, emanazioni ordinarie,
Discendono in nuove forme dalla punta delle dita,
Esalano con l’odore del suo corpo, del fiato, sfuggono dalle sue rapide occhiate.

40.

Magniloquenza del sole, non ho bisogno di crogiolarmi ai tuoi raggi – scànsati!
Tu illumini solo superfici, io forzo superfici e profondità.
Terra! sembra che aspetti qualcosa dalle mie mani,
Parla, vecchia testona, che vuoi?
Uomo o donna, vorrei dirvi quanto vi amo, ma non ci riesco,
Dirvi quello che c’è in me e che c’è in voi, ma non ci riesco,
Dirvi lo struggimento, il palpitare delle mie notti e dei miei giorni.
Badate, io non faccio conferenze o un po’ di carità,
Quando io do, io do tutto me stesso.
Non ti chiedo chi sei, è cosa di nessuna importanza per me,
Non puoi fare nulla, né essere nulla, se non ciò che io racchiudo in te.
Tu là, impotente dalle ginocchia lasche,
Apri quelle ganasce avvolte in sciarpe perché io t’insuffli coraggio,
Allarga le palme, solleva i risvolti delle tasche,
Nessuno può ricusarmi, io forzo, ho provviste in abbondanza e di riserva,
E tutto quello che ho lo regalo.
Non ti chiedo chi sei, non è importante per me,
Non puoi far niente, né essere altro che ciò che avvolgo in te.
Su chi sfacchina nei campi di cotone, su chi pulisce le latrine io mi curvo,
E sulla loro guancia destra depongo un bacio familiare,
E giuro per l’anima mia che mai li rinnegherò.
In donne atte a concepire do vita a figli più forti e più svegli,
(Oggi faccio scaturire la materia per più tracotanti repubbliche).
Verso chi sta morendo mi affretto e giro il pomo della porta,
Rovescio le coperte verso i piedi del letto
E mando a casa medico e prete.
Afferro l’uomo avvilito e lo sollevo con volontà irresistibile,
O disperato, ecco il mio collo,
Perdio, non cadrai! appenditi a me con tutto il tuo peso.
Io ti dilato con un titanico soffio, ti faccio stare a galla,
Ogni stanza della casa la riempio con una forza armata,
E chi mi ama può eludere la tomba.
Dormite: loro e io faremo guardia tutta la notte,
Nessun dubbio, nessun malanno oserà mettere un dito su di voi,
Io vi ho abbracciati, e d’ora in poi io vi possiedo in me,
E quando vi alzerete al mattino vi accorgerete che ciò che vi dico è veramente così.

41.
Io sono colui che reca aiuto agli ammalati che boccheggiano supini,
E agli uomini sani e ritti reca un aiuto anche più necessario.
Ho udito ciò che si è detto dell’universo,
L’ho udito e udito per svariate migliaia di anni;
Passabilmente bene, così com’è: ma questo è tutto?
Io vengo a ingrandire e applicare,
Offrendo in partenza più dei vecchi guardinghi rigattieri,
Prendendo io stesso le esatte misure di Geova,
Litografando Cronos, suo figlio Zeus, suo nipote Ercole,
Acquistando disegni di Osiride, Iside, Belo, Brahma, Buddha,
Sistemando nella stessa cartella Allah su un foglio, Manitu slegato, il crocifisso impresso,
Con Odino e Mexitli dal volto spaventoso, e ogni idolo e immagine,
Prendendoli in blocco per quello che valgono, non un soldo di più,
Ammettendo che furono vivi ai loro tempi e fecero il loro lavoro
(Portarono briciole a uccelli implumi che ora devono sorgere e volare e cantare per conto proprio),
Accogliendo i rozzi schizzi deifici per rifinirli in me stesso, elargendoli gratuitamente a ogni uomo e donna che vedo,
Scoprendo altrettanto, o di più, nell’operaio che fabbrica una casa,
Anzi, rivendicando di più per quest’ultimo, con le sue maniche rimboccate, il suo lavoro di mazzuolo e scalpello,
Senza nulla eccepire verso rivelazioni eccezionali, considerando una voluta di fumo o un pelo sul dorso della mano altrettanto curiosi quanto qualsiasi rivelazione;
Giovani con pompe antincendio e scale di corda con ramponi non sono inferiori per me agli dei delle antiche battaglie,
Le loro voci squillano in mezzo al fragore dei crolli,
Le membra muscolose passano incolumi su assi bruciacchiate, le bianche fronti escono illese dalle fiamme;
Accanto alla moglie del meccanico con il bambino al seno, intercedendo per ogni essere nato,
Tre falci in fila che fischiano mietendo, tre angeli vigorosi con le camicie gonfie alla cintura,
Lo stalliere dai denti sporgenti e dai rossi capelli che redime i peccati passati e futuri,
Vendendo tutto ciò che possiede, viaggiando a piedi per pagar gli avvocati al fratello, e siede accanto a lui nel processo come falsario.
Ciò che era sparso negli spazi più ampi copre una pertica quadrata intorno a me, anzi nemmeno la riempie,
Il toro e l’insetto mai venerati a sufficienza, nemmeno la metà,
Sterco e sporcizia più ammirevoli di quanto fu fantasticato,
Il soprannaturale di nessun conto, io stesso aspetto il tempo in cui sarò uno dei supremi;
Il giorno si prepara in cui farò del bene quanto i migliori, e sarò altrettanto prodigioso.
Per i miei bitorzoli vitali! Già divento un creatore,
Ponendo me stesso qui e ora nel grembo in agguato delle ombre.

42.
Un grido tra la folla,
La mia voce, sonora, trascinante e decisiva.
Venite, figli miei,
Venite, giovani e ragazze, donne mie, familiari e intimi amici,
Ora l’esecutore dà vigore al suo slancio, ha passato il suo preludio nel registro degli oboi.
Facili accordi dalle agili dita – sento il ronzio del vostro crescendo e del finale.
La testa mi si gira sul collo,
La musica si riversa, ma non dall’organo,
Gente mi attornia, ma non miei familiari.
Sempre il duro suolo che non sprofonda,
Sempre mangiatori e bevitori, sempre il sole che s’alza e s’abbassa, sempre aria e maree incessanti,
Sempre io e il mio prossimo, rincoranti, maligni, reali,
Sempre l’antico inesplicabile quesito, sempre quel pollice punto dagli spini, quell’alito di smanie e cupidigie,
Sempre l’urlaccio del vessatore, finché non scopriremo dove il furbastro si rintana e lo cacceremo fuori,
Sempre l’amore, il singhiozzante liquido vitale,
Sempre la fascia sotto il mento, i cavalletti della bara.
Camminando qua e là con due soldi sugli occhi,
Per nutrire l’ingordigia del ventre il cervello elargendo a cucchiaiate,
Acquistando, portando, vendendo biglietti, ma mai una volta partecipando alla festa,
Molti che sudano, arano, trebbiano e ricevono paglia in pagamento,
Pochi che oziando posseggono, e reclamano il grano continuamente.
Questa è la città e io sono un cittadino,
Quanto interessa gli altri interessa anche me, politica, guerre, mercati, scuole, giornali,
Il sindaco e il consiglio comunale, banche, tariffe, fabbriche, navi, azioni, negozi, beni mobili e immobili.
I numerosi ometti che saltellano intorno incollettati e con le giacche a coda,
Io so bene chi sono (non sono né pulci né vermi, questo è certo),
Riconosco i duplicati di me stesso, il più debole e vacuo è insieme a me immortale,
Quello che faccio e dico attende anche loro,
Ogni pensiero che in me si dibatte, in essi si agita ugualmente.
Conosco perfettamente il mio egotismo,
So dei miei onnivori versetti e so che non devo scriverne uno di meno,
E vorrei convincervi, chiunque voi siate, a esaltarvi con me.
Non parole di routine, questo mio canto,
È per domande brusche, è per balzare oltre e tuttavia avvicinare;
Questo libro stampato e rilegato – ma il tipografo e il ragazzino apprendista?
Queste fotografie bene inquadrate – ma tua moglie o l’amico fidato che stringi tra le braccia?
La nave corazzata di ferro, i possenti cannoni nelle torrette – ma il fegato del capitano e dei macchinisti?
Il cibo, nelle case, e i piatti e i mobili – ma l’ospite e sua moglie, e lo sguardo dei loro occhi?
Il cielo, lassù – ma qui, o alla porta accanto, o all’altro lato della strada?
I santi e i saggi della storia – ma tu?
Sermoni, fedi, teologia – ma l’insondabile cervello umano?
E che cos’è la ragione? e l’amore? e la vita?

43.
Non vi disprezzo preti di tutti i tempi, di tutto il mondo,
La mia fede è la più grande delle fedi, la più piccola delle fedi,
Comprende culti antichi e moderni, e quanto v’è tra l’antico e il moderno,
Persuaso che tornerò su questa terra di qui a cinquemila anni,
Attendo responsi dagli oracoli, onoro gli dèi, saluto il sole,
Mi creo un feticcio col primo sasso o tronco, faccio incantesimi con stecchi nel cerchio magico,
Aiuto il lama o il bramino a smoccolare le lampade degli idoli,
E danzo per le strade in processioni falliche, rapito e austero sono un gimnosofista nei boschi,
Bevo idromele dal teschio-coppa, ammiro gli Shasta e i Veda, do importanza al Corano,
Attraverso il teocalli macchiato di sangue rappreso schizzato dalla pietra e dal coltello, batto il tamburo di pelle di serpente,
Accetto i Vangeli, accetto colui che fu crocifisso, dando per certo che è divino,
M’inginocchio alla messa, mi alzo alta preghiera puritana, resto seduto paziente in un banco di chiesa,
Urlo e schiumo in una crisi di demenza o aspetto come morto che il mio spirito si desti,
Poso lo sguardo su selciato e terra o fuori del selciato e della terra
Appartengo a coloro che tracciano il cerchio dei cerchi.
Uno della combriccola centripeta e centrifuga, mi giro e parlo come uno che dia ordini prima della partenza.
O voi pieni di dubbi, sfiduciati depressi ed esclusi,
Frivoli, scontrosi, abbattuti, collerici, emotivi, scoraggiati, atei,
Conosco ciascuno di voi, conosco il mare di tormento, dubbio, disperazione, scetticismo.
Come schizza, come si contorce la coda della balena
Rapida come lampo, con spasmi e fiotti di sangue!
Calmatevi, code sanguinanti di scettici e cupi depressi,
Prendo il mio posto tra voi come tra gli altri,
Il passato è la spinta per voi, per me, e per tutti esattamente la stessa,
E ciò che è ancora intentato e sarà poi è per voi, per me e per tutti esattamente lo stesso.
Non so che cosa è intentato e verrà poi,
Ma so che a suo tempo si mostrerà sufficiente e non potrà fallire.
Chiunque passa è considerato, chiunque si ferma è considerato, nemmeno uno può fallire.
Non può fallire il giovane che morì e fu sepolto,
Non la ragazza che morì e gli fu messa accanto,
Non il bambino che si affacciò alla porta, e si ritrasse e non fu mai più visto,
Non il vecchio vissuto senza scopo, e ne prova amarezza peggiore del fiele,
Non quell’altro all’ospizio dei poveri, tubercoloso dal rum e dai disordini,
Non gli infiniti massacrati e naufraghi, né il bestiale Kobu detto lo sterco dell’umanità,
Non i sacchi fluttuanti a bocca aperta perché vi scivoli il cibo,
Né cosa alcuna in terra o sotto, nelle più antiche tombe della terra,
Né alcuna cosa nelle miriadi di sfere, né le miriadi di miriadi che le abitano,
Né il presente, né il più piccolo frammento conosciuto.

44.
È ora che mi spieghi, – alziamoci in piedi.
Quanto è noto lo rigetto da me,
tutti gli uomini e le donne li lancio in avanti, con me, verso l’Ignoto.
L’orologio segna il minuto – ma che mai segna l’eternità?
Le nascite ci hanno recato ricchezza e varietà,
altre nascite ci recheranno ricchezza e varietà.
Io non giudico uno più grande e uno più piccolo,
quanto riempie il suo spazio e il suo tempo è alla pari con il resto.
Gli uomini sono stati sanguinari o invidiosi, con voi, fratello, sorella?
Mi dispiace per voi, con me non sono stati né sanguinari né invidiosi,
Tutti sono stati gentili, con me, non tengo conto dei lamenti,
(Che cosa me ne faccio dei lamenti?).
Io sono l’apice delle cose compiute, e il serbatoio di quelle a venire.
I miei piedi si piantano sul vertice estremo della scala,
Sopra ogni gradino mucchi di ere, e mucchi più grandi fra gradino e gradino,
Quelli di sotto debitamente superati, e io continuo a salire e a salire.
Ascesa dopo ascesa, s’inchinano i fantasmi dietro di me,
Vedo laggiù in lontananza l’immenso Nulla primigenio, so che anch’io ne fui parte,
Attesi invisibile, da sempre, addormentato nella nebbia letargica,
E catturai il mio tempo, e non fui danneggiato dal fetido carbonio.
A lungo fui abbracciato – a lungo, a lungo.

Enormi furono i preparativi, per me,
Fedeli e amiche le braccia che mi hanno assistito.
Cicli di evi traghettarono la mia culla, remando e remando come allegri barcaioli,
Per farmi posto le stelle si tennero da parte nei loro propri cerchi,
Inviarono influssi a sorvegliare ciò che doveva contenermi.
Prima che io nascessi da mia madre, generazioni mi guidarono,
Il mio embrione non fu mai intorpidito, niente poteva soffocarlo.
Per lui la nebulosa si condensò in una sfera,
Gli strati lentamente si accumularono per sostenerlo,
Enormi vegetali lo nutrirono,
Sauroidi mostruosi lo trasportarono in bocca e lo depositarono con cura.
Tutte le forze sono state stabilmente impiegate per completarmi e allietarmi,
Ora, in questo luogo, io sto, con la mia anima robusta.

45.
O spanna di giovinezza! elasticità sempre tesa!
O età virile, equilibrata, florida e piena.
I miei amanti mi asfissiano,
Si affollano alle mie labbra, mi otturano i pori della pelle,
Mi danno spinte nelle strade e nei ritrovi pubblici, vengono nudi nottetempo a trovarmi.
Di giorno mi gridano Ohé! dagli scogli del fiume, girano e cinguettano sulla mia testa,
Mi chiamano per nome dalle aiuole, dai rampicanti, dall’intricato sottobosco,
Giungono in ogni momento della mia vita,
Sbaciucchiano il mio corpo con molli baci balsamici,
Mi donano in silenzio i loro cuori a piene mani perché mi appartengano.
Vecchiaia che sorgi maestosa! O benvenuta, grazia ineffabile dei giorni morenti!
Ogni condizione promulga non solo se stessa, ma anche ciò che verrà poi e nascerà da essa,
E il nero silenzio promulga come qualsiasi altra cosa.
Schiudo l’abbaino di notte e contemplo i sistemi sparsi per il cielo,
E ciò che vedo non è che l’orlo dei più remoti sistemi.
Oltre, sempre oltre essi spaziano, in perenne espansione,
In là, più in là, e sempre più in là, in eterno.
Il mio sole ha il suo sole e intorno a lui ruota obbediente,
E con i suoi compagni fa parte d’un gruppo d’un più vasto circuito,
E seguono mondi più grandi, che i maggiori di essi fanno sembrare granelli.
Non c’è sosta né potrà esservi sosta,
E se tu, io, e i mondi, sopra e sotto le loro superfici fossimo in questo momento nuovamente ridotti a una pallida nebbia fluttuante, sarebbe inutile, alla lunga,
Sicuramente arriveremmo ancora dove ora siamo,
E certamente andremmo oltre, e poi più lontano e più lontano.
Pochi quadrilioni di ere, pochi ottilioni di leghe cubiche, non turbano lo spazio né lo rendono impaziente,
Non sono che parti, ogni cosa non è che una parte.
Spingi lo sguardo il più lontano che puoi, oltre quello è l’illimite spazio,
Conta il più alto che puoi, oltre quello vi è il tempo infinito.
Conta più a lungo che puoi, da ogni parte è il tempo senza fine.
Il mio appuntamento è fissato, ed è certo,
Il Signore sarà ad aspettarmi, arriverò in perfetto accordo,
Il Grande Compagno, l’amante sincero per cui mi struggo, sarà là ad aspettarmi.

46.
So che ho la meglio sul tempo e lo spazio, e non fui mai misurato né mai lo sarò.
Sono il viandante perpetuo, (ascoltatemi tutti!)
I miei segni sono un impermeabile, un buon paio di scarpe, un bastone reciso nel bosco,
Nessun mio amico poltrisce sulla mia sedia,
Non ho cattedra, né chiesa, né filosofia,
Non invito nessuno a tavola, in una biblioteca, alla borsa
Ma ogni uomo, ogni donna io condurrò in vetta a un colle,
La mia sinistra agganciata alla sua vita,
La destra che indica paesaggi di continenti e una strada maestra.
Non io né alcun altro può percorrere quella strada per te,
Devi percorrerla tu.
Non è lontana, è facile raggiungerla,
Forse la percorri da quando sei nato, senza neppure saperlo,
Forse è dovunque, per acqua e per terra.
Accòllati i tuoi quattro stracci, figliolo, io prendo i miei e affrettiamoci,
mirabili città e libere nazioni raggiungeremo nel nostro cammino.
Se ti stanchi m’addosso i tuoi fardelli, e tu poggiami il grosso della mano sull’anca,
E a tempo debito mi renderai un uguale servizio,
Perché, una volta in cammino, non dobbiamo fermarci mai più.
Oggi, prima dell’alba, sono salito sul colle e ho contemplato il cielo gremito,
E ho detto al mio spirito: Quando avremo abbracciato quei mondi, e il piacere e la scienza di ogni cosa in quei mondi, ci sentiremo sazi e soddisfatti?
Rispose il mio spirito: No, perché, raggiunto quel termine, dobbiamo superarlo e procedere oltre.
Tu mi rivolgi anche domande e io ti ascolto,
E ti rispondo che non posso risponderti, che le risposte devi trovarle tu.
Ripòsati un momento, figlio caro,
Ecco biscotti per la tua fame, latte per la tua sete,
Ma non appena hai dormito e indossato abiti lindi ti bacio col bacio d’addio e t’apro il cancello, ché tu te ne vada.
Troppo a lungo hai sognato spregevoli sogni,
Ora ti lavo la cispa dagli occhi,
Devi abituarti al fulgore della luce e di tutti gli istanti della tua vita.
Troppo a lungo hai guazzato timido presso la riva, aggrappandoti a una tavola,
Ora voglio che tu divenga un nuotatore audace,
che ti tuffi nel mezzo del mare, e ne emerga, mi lanci un saluto, un grido, e che ridendo ti scrolli i capelli.

47.
Sono maestro di atleti,
Chi grazie a me espande un torace più ampio del mio dimostra l’ampiezza del mio torace,
E più onora il mio stile chi impara da esso ad annientare il maestro.
Il ragazzo che amo diventa un uomo non per virtù derivata, ma di suo pieno diritto,
Meglio canaglia, piuttosto che virtuoso per conformismo o paura,
Innamorato della sua ragazza, buon gustatore della sua bistecca,
Amore non corrisposto o noncuranza lo feriscono peggio d’un acciaio affilato,
Primeggia nella lotta, nel cavalcare, nel centrare un bersaglio, sa manovrare una vela, suonare il banjo e cantare,
A tutti gli insaponatori, preferisce le barbe, le cicatrici, le facce bucate dal vaiolo,
E quelli bene abbronzati a quelli protetti dal sole.
Insegno a deviare da me, ma chi può farlo?
Io ti seguo da questo momento dovunque tu sia,
Le mie parole ti ronzeranno nelle orecchie finché le avrai capite.
Non dico queste cose per un dollaro o per riempire il tempo mentre aspetto il battello,
(Siete voi che parlate al pari di me, io non sono che la vostra lingua,
Che è legata nella vostra bocca, mentre la mia comincia a sciogliersi).
Giuro che mai più menzionerò amore e morte in una casa,
E giuro che non tradurrò mai più me stesso, se non per quello o quella che staranno con me all’aria aperta.
Se vorrete capirmi andate su un’altura o in riva all’acqua,
Il primo moscerino è un chiarimento, e una goccia o un movimento delle onde una chiave,
Il maglio, il remo, la sega, assecondano le mie parole.
Nessuna stanza chiusa, nessuna scuola può andare d’accordo con me,
Ma rozzi e bambini vi riescono meglio.
Il giovane operaio è il più vicino a me, e mi conosce bene,
Il taglialegna che porta con sé ascia e brocca mi porta con sé tutto il giorno,
Il ragazzo che ara nel campo si sente bene al suono della mia voce,
Le mie parole fanno vela con le navi, vado con pescatori e marinai, e li amo.
Il soldato accampato è dei miei, e quello in marcia,
La notte che precede una battaglia sono in molti a cercarmi, e io non li trascuro,
In quella notte solenne (che può essere l’ultima) chi mi conosce mi cerca.
Il mio viso sfiora il viso del cacciatore che giace avvolto nella sua coperta,
Il carrettiere che mi pensa non bada più agli scossoni del carro,
La giovane madre, la vecchia madre, mi comprendono,
La maritata e la ragazza depongono l’ago un momento e dimenticano dove si trovano,
Esse e tutti vorrebbero riassumere quello che ho detto loro.

48.
Ho dichiarato che l’anima non vale più del corpo,
E ho dichiarato che il corpo non vale più dell’anima,
E nulla, neppure Dio, per nessuno è più grande del suo proprio io,
Che chi fa duecento yarde senza simpatia è come se seguisse il proprio funerale vestito del sudario,
Che senza un soldo in tasca, tu e io, possiamo comperare la parte migliore della terra,
Che dare un’occhiata o mostrare un fagiolo nel suo baccello confonde il sapere d’ogni tempo,
Che non c’è impiego o attività in cui il giovane non possa diventare un eroe,
Che non v’è oggetto così tenero da non poter formare il mozzo del rotante universo,
E che dico a ogni uomo e a ogni donna: L’anima vostra resti calma e serena davanti a un milione di universi.
E dico a tutta l’umanità: Non siate curiosi circa Dio,
Perché io che sono curioso di tutto non sono curioso di Dio,
(Nessun insieme di parole può esprimere quanto io sia tranquillo circa la morte e Dio).
Ascolto e vedo Dio in ogni oggetto, eppure non capisco minimamente Dio,
Né che possa esserci qualcuno più meraviglioso di me stesso.
Perché dovrei desiderare di veder Dio meglio di oggi?
Vedo qualcosa di Dio in ogni ora delle ventiquattro, in ogni loro istante,
Vedo Dio in ogni volto umano e nel mio allo specchio,
Trovo lettere inviate da Dio per le strade, ciascuna firmata col suo nome,
E le lascio dove si trovano, perché io so che, dovunque mi diriga,
Altre ne arriveranno puntualmente, sempre e per sempre.

49.
Quanto a te, Morte, e al tuo implacabile abbraccio, è inutile tentare di allarmarmi.
Senza esitare l’ostetrico compie il suo lavoro,
Vedo l’anziana mano che preme, riceve, sorregge,
Mi adagio presso le soglie delle preziose cedevoli porte,
E noto l’uscita, noto il sollievo e l’evasione.
E quanto a te, Cadavere, penso che sei un buon concime, e questo non mi offende.
Odoro le candide rose profumate e fiorite,
Mi accosto a labbra di foglie, tendo la mano alle lisce mammelle dei meloni.
Quanto a te, Vita, penso tu sia il residuo di numerose morti
(Senza dubbio anche io sono già morto diecimila volte).
Vi sento bisbigliare, stelle del cielo,
E voi soli – e tu erba delle tombe – oh perenni passaggi e accrescimenti,
Se voi non dite nulla, come posso io dire qualcosa?
Dal torbido stagno della foresta autunnale,
Dalla luna che scende il pendio del sospiroso crepuscolo,
Spargetevi scintille del giorno e del crepuscolo – spargetevi sui neri fusti che marciscono nel fango,
Sul lamentoso farfugliare dei rami secchi.
Io m’innalzo dalla luna, m’innalzo dalla notte,
M’avvedo che la luce spettrale è riflesso dei raggi del sole meridiano,
E sbocco nel fisso e nel centrale dalla progenie del piccolo o del grande.

50.
C’è questo in me – non so che cosa sia – ma so che è in me
Contorto e sudato – il mio corpo poi diventa calmo e fresco,
Ed io dormo – dormo a lungo.
Non lo conosco – non ha un nome – è una parola non detta,
Non si trova in nessun dizionario, in nessun simbolo, in nessuna espressione.
Qualcosa lo fa oscillare più che la terra dove oscillo io,
La creazione è la sua amica che mi sveglia con un abbraccio.
Forse potrei dire anche di più. Abbozzi! Io tutelo i miei fratelli e le mie sorelle.
Vedete, fratelli miei, sorelle mie?
Non è caos, non è morte – è forma, unione, piano, – è vita eterna – è Felicità

51.
Il passato e il presente appassiscono – io li ho colmati e svuotati,
E procedo a riempire la mia prossima piega del futuro.
Ascoltatore, lassù! che hai da confidarmi?
Guardami in faccia, mentre aspiro il furtivo avanzar della sera,
(parla sinceramente, nessun altro ti udrà, io non m’attardo che un minuto ancora.)
Mi contraddico?
Molto bene, allora, mi contraddico,
sono largo, contengo moltitudini.
Mi concentro su chi mi è vicino, aspetto sulla soglia della porta.
Chi ha compiuto la sua giornata di lavoro? Chi ancora prima avrà finito la cena? Chi vuole camminare con me?
Parlerai prima che me ne vada? O quando sarà troppo tardi?

52.
Il grigiolato sparviero accanto mi saetta e mi accusa, si lamenta delle mie chiacchiere, del mio indugio.
Anch’io non sono affatto domato, anch’io sono intraducibile,
E lancio il mio barbarico yawp sopra i tetti del mondo.
L’ultimo barbaglio del giorno s’attarda per me,
Riflette la mia immagine dietro le altre, esatta come qualsiasi altra per il deserto d’ombre,
E m’induce alle brume ed al crepuscolo.
M’allontano come l’aria, scuoto i miei bianchi cernecchi al sole che sfugge,
Effondo la mia carne nei riflussi, la trascino per brecce frastagliate.
Mi lascio in eredità alla terra, per rinascere dall’erba che amo,
Se ancora mi vuoi, cercami sotto la suola delle scarpe.
A malapena saprai ch’io sia, che cosa significhi,
Ma tuttavia t’infonderò salute,
Purificherò, rafforzerò il tuo sangue.
Se subito non mi trovi non scoraggiarti,
Se non mi trovi in un posto cercami in un altro,
In qualche posto mi sono fermato e t’attendo.

{Walt Whitman — Canto di me stesso}

9 Risposte a “Song of Myself (Canto di me stesso) — Walt Whitman [testo completo]”

  1. Hi, here on the forum guys advised a cool Dating site, be sure to register – you will not REGRET it [url=https://bit.ly/39cc9gy]https://bit.ly/39cc9gy[/url]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.